Politica / Politica

Commenta Stampa

Sant'Anastasia, Il sindaco apre dialogo con l'opposizione


Sant'Anastasia, Il sindaco apre dialogo con l'opposizione
04/04/2012, 12:04

Doppia protesta di mamme degli aventi diritto alla “borsa di studio”, iniziata la mattina e finita nel consiglio comunale di ieri sera; la maggioranza “deplora il comportamento di due consiglieri PDL (il capo gruppo Annarita De Simone e Rossella Ciccarelli) che – dichiara - hanno abbandonato l’aula per mettere in minoranza l’amministrazione”; il consigliere Pdl Girolamo De Simone comunica – in un documento letto dal presidente dell’assise - la “destituzione dell’attuale capogruppo del PDL Annarita De Simone, e la nomina, con unanime decisione, a nuovo capogruppo dell’avv. Girolamo De Simone”; e il Sindaco, Carmine Esposito, annuncia l’apertura di un dibattito interno alla maggioranza su due direttive: andare alle urne o dialogare con parte dell’opposizione per verificare la possibilità di alleanze costruttive.
Due episodi che hanno caratterizzato il Consiglio Comunale di ieri sera, con punte di forte dialettica politica, filato liscio sugli argomenti all’ordine del giorno, tutti approvati tranne il “Regolamento sul procedimento amministrativo” che è stato rinviato.
E’, quindi, entrato in Consiglio Comunale il già assessore Felice Manfellotto al posto di Romano Vincenzo nominato assessore; è stato istituzionalizzato l’11 Aprile "Giornata della Memoria delle vittime della FLOBERT"; sono stati modificati il vigente regolamento per l'applicazione delle tassa smaltimento rifiuti solidi urbani, il vigente regolamento per l'applicazione delle sanzioni tributarie amministrative e il nuovo regolamento per la definizione agevolata anni pregressi per imposta comunale sugli immobili e tassa raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani di cui alla delibera di C.C. n. 85/2011; infine il consiglio ha preso atto del preliminare d’intesa tra il comune di Sant’Anastasia e la Curia di Nola per l’alienazione gratuita alla parrocchia Maria SS. Immacolata di Ponte di Ferro del fondo sito alla via Rosanea, luogo ove verrà costruita una nuova chiesa.
Come è giunta in Consiglio Comunale la protesta delle mamme? Di fronte alla graduatoria affissa nell’androne di Palazzo Siano alcune mamme hanno levato la voce contro la loro esclusione dalla borsa di studio di € 130,00 nonostante la normativa della Regione Campania, che stanzia i fondi, prevede chiaramente l’erogazione da parte del Comune fino all’esaurimento dei fondi assegnati. Fondi che riescono a soddisfare, secondo la graduatoria stilata dal servizio P.I., circa 600 richiedenti, lasciandone fuori circa 400.
Il sindaco raccolta la protesta delle mamme ha temporaneamente sospeso il procedimento per approfondire la questione e verificare la trasparenza degli atti. Decisione che a sera, prima e durante il consiglio comunale, è stata criticata da altre mamme che invece risultano tra gli aventi diritto e che avrebbero voluto riscuotere il beneficio prima di Pasqua. Carmine Esposito ha chiarito, in consiglio, che le prime verifiche effettuate non hanno evidenziato errori e che la procedura sarà in breve riavviata, fermo restando gli accertamenti d’ufficio, anche tramite la GdF, per verificare la veridicità delle documentazioni prodotte da ciascun richiedente.
Archiviato questo argomento il civico consesso si è trovato ad affrontare un momento politico nuovo. “L’allontanarsi dall’aula del capo gruppo PDL Annarita De Simone – affermano i consiglieri PDL e di maggioranza – per recarsi al bar, mettere in minoranza l’amministrazione e intavolare con alcuni cittadini un’accesa discussione è da condannare”.
“E’ il momento – ha affermato il sindaco, Carmine Esposito – di fare scelte, come abbiamo sempre fatto, aprendo tra noi della maggioranza una discussione su due punti fondamentali. Non è più possibile considerare i consiglieri De Simone e Ciccarelli parte della maggioranza dopo quello che è accaduto poco fa. Indico quindi due possibilità: la prima è dare la parola agli elettori ed alle urne. La seconda è quella di valorizzare politicamente l’atteggiamento costruttivo tenuto in questi due anni da alcuni consiglieri di minoranza - mi riferisco al dott. Di Marzo, che ha dichiarato la sua indipendenza, ed al capo gruppo S.D.L. Carmine Capuano - e verificare tra noi e con loro se è possibile un dialogo politico-amministrativo che consenta il governo del paese”.
“Siamo convinti che una consiliatura debba arrivare alla naturale scadenza, siamo aperti al dialogo e valuteremo questo fatto nuovo avvenuto oggi”.
A questo punto è stato chiesto al Presidente del Consiglio, Lello Abete, di dare lettura pubblica dell’annuncio, precedentemente consegnato e tenuto sospeso, inerente “la destituzione dell’attuale capogruppo del Pdl Annarita De Simone, e la nomina, con unanime decisione, a nuovo capogruppo dell’avvocato Girolamo De Simone».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©