Politica / Regione

Commenta Stampa

Sant'Antimo: Informatizzazione ufficio urbanistico


Sant'Antimo: Informatizzazione ufficio urbanistico
08/05/2009, 09:05

Nuovi software in arrivo all’ufficio urbanistico del comune di Sant’Antimo, grazie ai quali tutto il carteggio presente sarà informatizzato. Vista la congestione dell’ufficio urbanistico, dall’attività delle pratiche edilizie, condono, abusivismo, gestione casa etc, per le quali ogni qualvolta diventa laborioso l’identificazione di tutti gli elementi necessari all’espletamento delle attività amministrative; si è ritenuto opportuno snellire le attività dell’ufficio urbanistico. Con delibera n. 63 del 30 aprile scorso è stato approvato l’acquisto di un software che permette l’archiviazione e la gestione di tutti i dati inerenti le pratiche edilizie siano esse permessi di costruire, DIA, concessioni, autorizzazioni, comunicazioni o altri tipi di pratiche comprensivo di formazione professionale. “L’amministrazione provvederà all’acquisto di due software fornito da professionisti del settore affinché le tante e varie pratiche amministrative inerenti le attività dell’ufficio urbanistico, verranno presentate su supporto informatico e non più cartaceo – ha dichiarato l’assessore all’urbanistica Vincenzo D’Agostino – Ciò darà la possibilità di introdurre l’anagrafe degli immobili presenti sul territorio e – prosegue – consentirà nell’immediatezza di conoscere lo stato della pratica presso l’ufficio, avere la documentazione grafica e fotografica degli immobili, nonché gli elementi catastali. Questo produrrà anche un effetto secondario non trascurabile. Difatti l'ufficio tributi potrà accedere ai suddetti dati per l’attività di competenza” conclude. Soddisfatto anche il primo cittadino, Francesco Piemonte che si dice contento perché la propria amministrazione segue di pari passo le innovazioni tecnologiche volute ed attuate dall'attuale governo. “L'informatizzazione degli uffici pubblici e lo snellimento della burocrazia che ne consegue è un atto dovuto nei confronti dei cittadini – commenta – che hanno diritto a non essere continuamente vessati a causa di una cattiva gestione della pubblica amministrazione. Con questa iniziativa ancora una volta Sant'Antimo – conclude – si propone come modello di efficienza organizzativa a cui i paesi limitrofi possono fare riferimento”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©