Politica / Politica

Commenta Stampa

Santori: Fermi indiscriminati, Marino e Farnesina intervengano


Santori: Fermi indiscriminati, Marino e Farnesina intervengano
29/11/2013, 12:53

ROMA - “A Varsavia ci sono stati una serie di fermi indiscriminati, arresti eseguiti in maniera random, che vedono ancora nelle questure polacche famiglie, donne ed anziani romani che nulla hanno a che vedere con le violenze e la detenzione di armi improprie che sembrerebbero, ma anche questo è da verificare, aver caratterizzato una sparuta minoranza di tifosi. Non vorrei che per l’ennesima volta ci trovassimo di fronte a una strategia conforme di condanna di tutta la tifoseria laziale, tesa a una ingiusta demonizzazione dei sostenitori della Lazio e di tifosi che, approfittando di una trasferta di calcio, volevano anche semplicemente visitare una capitale europea”, così in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, commentando la notizia dei 149 tifosi laziali attualmente in stato di fermo a Varsavia dopo la partita tra Legia Varsavia e SS Lazio. 

“Arrivano numerose le telefonate di tifosi che parlano di angherie e violenze da parte della polizia polacca fin da prima dell’inizio della gara, di semplici tifosi fermati nelle strade di Varsavia e portati nei commissariati locali. Il sindaco Marino sappia che lì ci sono tante famiglie di romani e il ministro Bonino si attivi per capire che cosa è accaduto e che cosa continua ad accadere. L’ambasciatore italiano a Varsavia sembrerebbe non voler fornire alcuna spiegazione ai tanti romani che si recano a chiedere informazioni sullo stato dei fermati. Ed è qualcosa che esigiamo di sapere anche noi, per rispetto della giustizia e dei nostri connazionali ingiustamente fermati”, conclude la nota. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©