Politica / Regione

Commenta Stampa

Savastano: "colata lavica per soluzione all'emergenza rifiuti"


Savastano: 'colata lavica per soluzione all'emergenza rifiuti'
15/07/2011, 12:07

"Da un decennio la Regione Campania vive e soffre nell’emergenza rifiuti, intere popolazioni mobilitate per evitare il continuo “sacco ambientale” del loro territorio, piccole realtà costrette a dovere “subire uno sversamento con tante ombre e luci, con il terrore che la propria salute propria e quelle dei suoi cari sia costantemente in pericolo come si nutre il pericolo sia per le generazioni future che per l’ambiente.

Napoli ha, da sempre avuto, una delle soluzioni nel suo territorio. Un nostro suggerimento, un parere non chiesto, che potrebbe far incontrare le esigenze del territorio e delle popolazioni, in un nostra modesta e piccola idea, e potrebbe essere quello che da dove tutti i materiali nascono, in quello stesso posto possono finire vendo riciclati dalla natura stessa che li ha creati.

Un utilizzo di una vena lavica effusiva, dove il magma viene espulso dal vulcano sotto forma di fiumi di lava, detti anche colate laviche.

I gas contenuti nel magma vengono espulsi in modo da evitare che la pressione del gas conduca ad una esplosione, questa espulsione del gas può avvenire sia gradatamente tramite fumarole o rapidamente, un modo per individuare zone idonee per realizzare questa idea.

Utilizzare una vena lavica, già esposta all’aperto o da esporre, del tipo effusivo permetterebbe lo sversamento di migliaia di tonnellate di rifiuti, di ogni tipo e genere, 24 ore su 24 senza danni e pericoli alle persone e all’ambiente con la previsione che i fumi sprigionati vengano “catturati” da apposto camino che abbatta eventuali componenti nocivi.

Questa soluzione potrebbe anche evitare i perenni problemi di ordine e di sicurezza pubblica con costi irrisori, rispetto a quel che è esorbitatamente costato, ed ancora costa, alle già povere tasche del cittadino che ancora non vede soluzioni a questo che è diventato, ormai, un dramma.

Questo tipo di soluzione potrebbe salvare l’uomo e le sue esigenze e, cosa ancor più importante, aiuterebbe a mantenere un ambiente ecosostenibile che, con le iniziative messe in atto in questo decennio, risulterebbero effettivamente efficaci ed implementarsi, migliorando la qualità della vita salvaguardando il patrimonio naturalistico italiano e le risorse utilizzate dall’uomo per il proprio sostentamento, senza il continuo dilemma dell’inquinamento invasivo di siti naturalistici e della problematica connessa alla produzione e allo sversamento del micidiale percolato.

Questa tragedia verrebbe risolta in ambito napoletano e campano ed eviterebbe il ricorso a soluzioni che vedono coinvolte realtà extraregionali ed extraitaliane.

Dopo questo tragico decennio, le troppe grida di aiuto di intere popolazioni, l’associazione Napoli Nord Sud, in un brainstorming tra i suoi componenti, ha trovato una idea che si spera possa essere considerata utile per risolvere questa tragedia che ha minato fortemente e pericolosamente il vivere civile delle popolazioni della provincia di Napoli, della Regione Campania e di tutta la Nazione. La natura, che l’uomo ogni giorno distrugge, verrà in aiuto dello stesso uomo.". Così Il Presidente SAVASTANO Carmine. Associazione della Colonna Mobile Protezione Civile della Provincia di Napoli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©