Politica / Politica

Commenta Stampa

Scalfarotto (PD): "l'Italia deve puntare sul cambiamento"


Scalfarotto (PD): 'l'Italia deve puntare sul cambiamento'
14/11/2011, 10:11

«I fatti di questi giorni stanno dando ragione a un pensiero che ho da tempo: se c’è un’idea che oggi merita di essere esplorata è quella del cambiamento – commenta il Vicepresidente dei democratici - E’ proprio per questo che ho deciso di partire con “Changes - Fare il cambiamento” per una serie di incontri di riflessione e di discussione in giro per l’Italia: perché la politica ha una possibilità soltanto se comprende che il mondo è oggi più che mai materia viva e cangiante, che le idee intanto possono avere un senso solo in quanto riescono a comprendere in sé il dinamismo e la velocità del tempo che viviamo».



Ivan Scalfarotto, Vicepresidente del Partito democratico, lancia ‘Changes - Fare il cambiamento’ il 27 novembre a Napoli (www.fareilcambiamento.it), che sarà il primo di una serie di incontri di riflessione e discussione in giro per l’Italia. Dopo l’esperienza dello scorso luglio in cui a ‘Changes – La festa del cambiamento’ protagonisti della politica, della cultura e dell’associazionismo nazionale si sono riuniti ad Acquapendente (VT) per riflettere sul cambiamento in atto e immaginare quello futuro, il 27 novembre con ‘Fare il cambiamento’ la riflessione si sposta a Napoli.



L'esigenza di mettere l'accento sulla velocità del nostro tempo è evidente: «Anche il precipitare degli eventi delle ultime settimane lo dimostra: se oggi si invoca la mano di un tecnico per tappare il buco che si è creato sia nei conti pubblici che nella credibilità del paese è perché nessuno, nemmeno a sinistra, si è evidentemente fatto trovare pronto in un tempo così precipitoso con una proposta che potesse rispondere all’emergenza in modo nitido, credibile e autorevole».



«Il 27 novembre ci incontreremo in città per discutere di costruire fondamenta sostenibili e solide per un futuro nuovo e diverso per Napoli e per il sud e di quale sia il cambiamento totale e radicale – si legge nell'invito di Scalfarotto su www.fareilcambiamento.it - che la politica a Napoli dovrà accettare per recuperare un rapporto vivo e sano con la società; discuteremo anche dei cambiamenti che la città e tutto il mezzogiorno attendono da un tempo lungo in modo inaccettabile».



Come per il primo appuntamento di Changes gli invitati alla discussione sono stati scelti tra persone di diversa estrazione culturale, politica e diversi anche per provenienza geografica. Parteciperanno tra gli altri: il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il Sindaco di Bari Michele Emiliano, l'assessore alla Cultura del comune di Milano Stefano Boeri, il Senatore Ignazio Marino, il consigliere regionale della Lombardia Pippo Civati, Concita De Gregorio di Repubblica e Arianna Ciccone de "La Valigia Blu", i dirigenti del PD napoletano e campano Andrea Orlando e Enzo Amendola, il Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa Maria Chiara Carrozza, l'assessore all'Economia della giunta napoletana Marco Esposito, l'Onorevole Andrea Sarubbi, gli esperti di temi dell'educazione Marco Rossi Doria e Mila Spicola, il responsabile del Forum cultura del PD di Napoli Renato Rotondo ed esponenti del rinnovamento democratico quali Cristiana Alicata (Roma), Francesco Nicodemo e Marianna Panico (Napoli).




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©