Politica / Politica

Commenta Stampa

Il premier tende la mano, ma il grillino ci sputa sopra

Scambi di "pizzini" in aula tra Di Maio (M5S) e Renzi


Scambi di 'pizzini' in aula tra Di Maio (M5S) e Renzi
25/02/2014, 19:04

ROMA - Matteo Renzi le sta provando tutte per trovare l'accordo con il Movimento 5 Stelle. Oggi ci ha provato anche con uno scambio di messaggi con il grillino LUigi Di Maio. Sono quelli elencati nella fotografia allegata. 

Il primo, di Renzi, inizia con "Ma voi fate sempre così? Mi ero fatto l'idea che su alcuni temi potessimo veramente confrontarci. Ma è così oggi per esigenze di comunicazione o è sempre (maiuscolo e sottolineato, ndr) così ed è impossibile confrontarsi?". 

La risposta di Di Maio arriva sulle due facciate di un foglio, dove per prima cosa dice a Renzi che la Boldrini non ha allontanato la Polverini che stava vicino ai banchi del governo, in violazione del regolamento. Dopo di che c'è un punto 2 dove Di Maio dice: "Forse non è chiaro che in un anno abbiamo visto di tutto. Abbiamo visto la tua maggioranza votare in 10 mesi: 2,5 miliardi di condono alle slot machines, 7,5 miliardi di euro alle banche, 50 miliardi per l'acquisto degloi F-35 (una cifra esagerata, dato che in realtà l'acquisto è stato per ora sospeso in attesa di valutazioni, ndr).

Replica di Renzi: "Capisco. Se vedi occasioni reali (maiuscolo e sottolineato, ndr) di dialogo nell'interesse dei cittadini (a me della parte mediatica interessa il giusto, ognuno fa la sua parte) fammi sapere. So che parli con Giachetti. Utilizziamo lui come contatto. Se ci sono cose fattibili insieme, alla luce del sole, nell'interesse dei cittadini, io ci sono".

Chiusura di Di Maio: "Io parlo con Giachetti perchè lavoriamo insieme ogni giorno. Come tanti nostri colleghi che lavorano in commissione. Il Parlamento serve a questo. Però ora basta con questi biglietti berlusconiani. Ci vediamo alla prova dei voti, in Aula, davanti al Paese intero". 

Che dire? Renzi ci ha provato anche oggi, ma i grillini sono decisi e determinati nel fuggire da ogni responsabilità politica.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©