Politica / Politica

Commenta Stampa

Scelta Civica: "le imprese non chiedono assistenza ma meno burocrazia"


Scelta Civica: 'le imprese non chiedono assistenza ma meno burocrazia'
29/01/2013, 13:48

28/01/2013 - “Un centro di ricerca universitario, aperto al contributo dei privati, che supporti le attività delle aziende del Cis-Interporto e sia tramite tra una grande realtà economica che dà lavoro a 9 mila persone e il territorio”. La proposta è stata avanzata questa mattina dal capolista di Scelta Civica Campania 1, Luciano Cimmino in un tour che lo ha portato ad incontrare prima gli amministratori del nolano e poi gli imprenditori di S.Giuseppe Vesuviano e Ottaviano. “Un imprenditore che lavora all’interporto e che io conosco – ha raccontato Cimmino -  ha dovuto acquistare un’azienda del Nord pur di avere un brevetto necessario per le sue attività. E’ incredibile come al Sud non si riesca a mettere in rete il saper fare delle aziende, che pure c'è, con la conoscenza della ricerca. La ricerca è fondamentale se vogliamo far ripartire le imprese meridionali”. A seguire, Cimmino ha incontrato una trentina di imprenditori vesuviani del tessile, abbigliamento, alimentare e del settore meccanico. “Ho potuto constatare che c’è grande sfiducia nella politica tradizionale, qui sinistra e destra hanno promesso tanto senza portare a casa niente. Ho spiegato agli imprenditori che la nostra lista è composta di professionisti, imprenditori, cittadini comuni che hanno lasciato le loro attività per senso di responsabilità e che non cercano un futuro in Parlamento.  Ci poniamo come tramite tra il territorio e le istituzioni da persone che vivono i problemi quotidiani e possono dare un contributo concreto “. “Quello che giunge dalle imprese dell’hinterland napoletano non è richiesta di assistenza, ma meno burocrazia, legalità e una maggiore attenzione alle esigenze delle aziende e dell’occupazione”.  

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©