Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il Pd non intende partecipare il 5 dicembre

Scintille tra Di Pietro e Bersani sul "No Berlusconi Day"


Scintille tra Di Pietro e Bersani sul 'No Berlusconi Day'
17/11/2009, 13:11

ROMA - Brusco botta e risposta tra il leader dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro e il Segretario del Pd Pierluigi Bersani. E' stato il primo ad iniziare, chiamando il Pd alla manifestazione partita da Facebook e prevista per il 5 dicembre prossimo: il "No Berlusconi Day". Di Pietro ha apostrofato rudemente il Pd: "Il 5 dicembre dobbiamo scendere tutti in piazza contro un governo che fa le leggi solo per sè e per la sua lobby piduista. Non capisco chi dice che non scenderà in piazza perchè questa manifestazione non l’ha organizzata lui. A loro dico: toglietevi quel cappello da primi della classe e venite in piazza come tutti noi".
A stretto giro di posta la risposta di Bersani, che - parlando a margine della manifestazione dei lavoratori Eutelia, a Roma - ha detto: "Noi facciamo le nostre manifestazioni. Noi, lezioni di antiberlusconismo, non le prendiamo da nessuno. Il più antiberlusconiano sarà quello che riesce a mandarlo a casa, non quello che grida di più. Lezioni di quel genere a noi non ne fanno. Dopodichè, se si ragiona, se le parole d’ordine sono accettabili, certamente non c’è una proibizione ad andarci ai militanti del Pd. Quando le parole d’ordine saranno accettabili le vedremo".
Tuttavia, Bersani dovrà guardarsi
dalla fronda interna, guidata da Ignazio Marino, che spinge per aderire alla manifestazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©