Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Adesione preventiva e referendum: come togliere un diritto

Scioperi: d'ora in poi sanno impossibili o virtuali


Scioperi: d'ora in poi sanno impossibili o virtuali
25/02/2009, 17:02

Il governo si prepara, nel prossimo Consiglio dei Ministri, ad approvare una legge delega, per regolamentare il diritto di sciopero. Le novità interessanti saranno due. Innanzitutto, verrà creato lo "sciopero virtuale": verranno indicate alcune categorie che non potranno assentarsi dai propri luoghi di lavoro per fare sciopero. Per cui lo sciopero sarà proclamato ma non compiuto realmente. E questo riguarderà quei casi in cui l'assenza impedirà di "erogare il servizio principale ed essenziale". E questo già riguarda più o meno tutti gli scioperi, il cui scopo precipuo è proprio quello di creare disagi non erogando servizi.
Ma poi c'è l'aggiunta: uno sciopero può essere proclamato solo da un'organizzazione sindacale riconosciuta e deve avere l'adesione preventiva del 50% dei lavoratori di quel settore. Altrimenti, se manca questa seconda condizione, c'è bisogno di fare un referendum confermativo tra tutti i lavoratori del settore, per poterlo proclamare.
Appare evidente che bastano queste due norme a dire che, se approvate, elimineranno per sempre il diritto allo sciopero, che è un diritto costituzionalmente garantito.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©