Politica / Politica

Commenta Stampa

Scontri Università Napoli. Verdi: "il disagio sta esplodendo soprattutto tra i giovani del sud"


Scontri Università Napoli. Verdi: 'il disagio sta esplodendo soprattutto tra i giovani del sud'
11/10/2011, 08:10

"La situazione all' interno degli Atenei napoletani - spiega il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed ex leader studentesco intervenendo sugli scontri di oggi tra studenti di estrema destra ed estrema sinistra all' università - è esplosiva, il disagio dilaga. Già alle comunali abbiamo assistito a cosa sarebbe potuto succedere con i neonazisti che imbrattavano i muri della Facoltà di Lettere e l' aggressione dei collettivi al candidato sindaco del Pdl Lettieri. Era dal 95 che non succedevano tanti episodi di violenza a ripetizione. Credo che questa nuova ondata sia anche figlia della crisi economica e della mancanza di prospettive delle nuove generazioni soprattutto del sud che non hanno più punti di riferimento politici, culturali e tantomeno sbocchi occupazionali".
"Le istituzioni continuano a sottovalutare il disagio dei giovani napoletani - comtinua il responsabile dei Giovani Verdi Marco Gaudini - e sbagliano. Il Rettore della Federico II si è barricato nelle stanze del potere e dialoga poco col corpo studentesco. Anche agli incontri con il Presidente della Repubblica è stato permesso a pochi studenti di assistervi mentre tutti i "baroni" universitari erano invitati e presenti".
"Gli scontri di oggi - spiega Marcello Framondi leader della Confederazione degli Studenti la prima forza alla Federico II - sono l' ennesima dimostrazione dello stato di degrado e abbandono anche culturale in cui versano gli Atenei campani sia per i tagli del Governo ma anche per quelli della Regione. Il corpo docente è sempre più proiettato su se stesso e si dedica poco e male all' insegnamento. La Federico II , secondo noi, è diventata sempre più un luogo per fare carriera politica o fare soldi e non per formare le nuove generazioni e questo i giovani lo avvertono. Speriamo che questa situazione faccia riflettere la classe politica ed il Rettore concentrato attualmente solo su come aumentare le tasse. Cosa che il popolo studentesco gli impedirà".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©