Politica / Politica

Commenta Stampa

Grillo: “E’ un colpo di stato”

Scontro a distanza tra Letta - Grillo

"Si tratta di parole inaccettabili”, per Letta

Scontro a distanza tra  Letta - Grillo
11/05/2013, 10:49

ROMA -  Il botta e risposta tra Palazzo Chigi il Movimento Cinque Stelle non si fa certo attendere.  Letta è all’opera con le riforme da mettere in atto e Grillo dal canto suo non risparmia battutine parlando di "colpo di stato". "Ci hanno messo in un angolo. Hanno fatto non un golpettino, ma un golpe, un colpo di stato. In quattro si sono riuniti in una notte per continuare con l'agenda Monti", queste le parole del comico genovese. Ma il leader del M5S continua dicendo: “Hanno di fatto il mantenuto della politica per vent'anni, nient'altro che il nipote dello zio". Ma il Premier Letta si difende e dice:  "Si tratta di parole inaccettabili, Grillo ferisce le istituzioni del nostro Paese, golpe è una parola totalmente inaccettabile. Le nostre sono istituzioni legittime e insistere a usare questi termini e' profondamente sbagliato, anche per il rispetto che dobbiamo portare al Capo dello Stato. Grillo la butta sull'insulto personale perché non ha altri argomenti. Lui insulta, io lavoro e mi occupo dei problemi". Poi riguardo ai tagli, Letta chiarisce "Io nel decreto taglierò lo stipendio ai ministri parlamentari, lui fatica a non far prendere la diaria intera ai suoi parlamentari che si ribellano". E dal sul suo blog, Beppe Grillo non le manda a dire e scrive: "Un mantenuto dalla politica dal 1996, Enrico Letta, ci fa lezioni di morale. Non accettiamo lezioni da una persona che si tiene stretti 46 milioni di euro di rimborsi elettorali del pdmenoelle, mentre il Movimento ha rinunciato a 42, e i cui parlamentari prendono lo stipendio pieno, mentre quelli del M5S se lo sono già dimezzato. Piglia e porta a casa capitan Findus".

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©