Politica / Politica

Commenta Stampa

Scotto (SEL): "liste pulite, tra realtà, utopia e garantismo di facciata"


Scotto (SEL): 'liste pulite, tra realtà, utopia e garantismo di facciata'
10/01/2013, 17:34

"Mentre in Campania Sinistra Ecologia e Libertà si prepara ad affrontare la campagna elettorale con una squadra di primo piano, equamente divisa tra rappresentanti territoriali e nomi del panorama politico nazionale, tra cui Nichi Vendola, ancora oggi non si conoscono i candidati del PDL e del Centro Montiano.

Immaginiamo – afferma Scotto - che siano ancora forti i dissensi tra coloro che aspirano a indicare nomi nuovi mettendo da parte gli “impresentabili” e chi considera la nostra regione esclusivamente come un territorio da cui trarre quanti più voti possibile con l'intento di catapultarci verso un Monti-bis o un governo a forte impronta leghista.
Messi da parte i buoni propositi del segretario Alfano di avere “liste pulite” – continua Scotto – la priorità diventa quella ripresentare i parlamentari sui cui cadono pesanti accuse di associazione camorristica ma che possano portare in dote il loro bagaglio di voti ottenuto grazie ai loro loschi affari.
Sel Campania sabato 12 gennaio presenterà le proprie liste elettorali; donne e uomini che non solo rappresentano il partito, i valori, il territorio, ma che hanno sottoscritto un impegno etico e civile: nel caso dovessero intervenire provvedimenti giudiziari saranno esclusi immediatamente dalle liste elettorali. Questo non è giustizialismo preventivo, ma un impegno di serietà e correttezza che prendiamo con gli elettori. Sfidiamo gli altri partiti, in particolar modo il PDL del coordinatore provinciale Nunzia de Girolamo, a fare lo stesso senza nascondersi dietro un garantismo di facciata. È un dato di fatto – conclude Scotto – che i deputati Campani Nicola Cosentino, Marco Milanese, Vincenzo Nespoli, Alfonso Papa e Luigi Cesaro non solo sono utili a rendere ingovernabile il paese ma sperano di essere nuovamente eletti per continuare a usufruire della immunità parlamentare e non affrontare un giusto processo.".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©