Politica / Regione

Commenta Stampa

Scuola, Cortese (PD): "Bocciatura bambina Ischia contro la legge"


Scuola, Cortese (PD): 'Bocciatura bambina Ischia contro la legge'
11/07/2011, 15:07

“Non c’è nulla di educativo né di formativo nell’assurda decisione adottata dal gruppo di docenti del Primo Circolo Didattico di Ischia, che ha sommariamente bocciato una bambina di sei anni iscritta alla prima elementare con l’avallo irresponsabile del dirigente scolastico”. Lo afferma Angela Cortese, consigliere regionale e segretario della VI Commissione permanente Scuole e Cultura.

“Nello svolgimento della programmazione settimanale, gli insegnanti che hanno seguito la piccola allieva avrebbero potuto mettere in atto gli interventi necessari al recupero, tenendo in modo particolare conto di quanto dispone la legge di riforma della scuola elementare 148/90, che all’articolo 7 comma ‘a’ sottolinea l’affinità delle discipline soprattutto nei primi due anni”, osserva la Cortese.

“Si sarebbe inoltre potuto dare credito alla bambina, accompagnandola nel raggiungimento degli obiettivi, invece di liquidare le sue difficoltà con una sonora bocciatura che certo non aiuta nella maturazione ma rischia, semmai, di provocare un’ulteriore regressione. Così come una soluzione si sarebbe potuta trovare attraverso la personalizzazione degli interventi”.

“Peraltro - prosegue la Cortese -, la legge in questione si propone tra le finalità principali lo ‘sviluppo della personalità del fanciullo, promuovendone la prima alfabetizzazione culturale nella valorizzazione delle diversità individuali, sociali e culturali’. Un indirizzo preciso, apertamente sconfessato dalle preside Conti, che commentando l’accaduto si è addirittura arrogata la libertà di affermare che le bocciature alle scuole primarie sarebbero utili a tagliare le gambe a molti alunni, impedendo loro di arrivare al liceo. Parole in pericolosa sintonia con una condotta che fa di questo un caso più unico che raro”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©