Politica / Parlamento

Commenta Stampa

SCUOLA, ERMANNO RUSSO A GABRIELE: “RISPETTO DEI RUOLI ISTITUZIONALI”


SCUOLA, ERMANNO RUSSO A GABRIELE: “RISPETTO DEI RUOLI ISTITUZIONALI”
05/11/2008, 16:11

 

 “Come si fa a non invitare un ministro ad una manifestazione ufficiale per ripicca? L’assessore Gabriele è tenuto al rispetto dei ruoli istituzionali, evitando di strumentalizzare il mondo della scuola e dell’istruzione che, in questo periodo soprattutto, rischia di trasformarsi in una pericolosa polveriera”.
E’ quanto ha dichiarato il presidente della Commissione speciale di controllo sulle Politiche giovanili, disagio sociale ed occupazione del Consiglio regionale della Campania, Ermanno Russo, dopo le dichiarazioni sugli Stati generali delle Scuole del Mezzogiorno dell’assessore alla Pubblica Istruzione della Regione Campania, Corrado Gabriele.
“Ci troviamo in presenza di un atteggiamento da parte dell’assessore alquanto discutibile. Il presidente Berlusconi – ha continuato l’esponente di Forza Italia-Pdl – ha insegnato a tutti noi come nelle emergenze sia possibile, anzi necessaria, la collaborazione fra istituzioni ed enti, anche di diverso colore politico. Sull’annosa problematica dei rifiuti, infatti, il premier ha costruito un rapporto formale ma efficace con il presidente della Regione Antonio Bassolino, tenendo con quest’ultimo riunioni risolutive e fondamentali per uscire dall’emergenza”. 
“Il ministro Gelmini nel pieno esercizio delle sue funzioni ispettive può – anzi deve – girare le scuole dell’Italia a caccia di omissioni ed inadempienze. La sua improvvisa visita ad un istituto di Scampia – ha concluso Ermanno Russo – rientra fra i compiti appena citati e non può in alcun modo fungere da alibi per una chiara caduta di stile come quella fatta registrare dall’assessore Gabriele. Le istituzioni dovrebbero dare il buon esempio, non sono di proprietà di alcuno e, pertanto, chi provvisoriamente – e per delega – le gestisce deve rifarsi necessariamente ad un codice di comportamento che abbia il rispetto dei ruoli al primo posto”.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©