Politica / Regione

Commenta Stampa

Scuola, iniziativa Regione Campania per far fronte a precariato


Scuola, iniziativa Regione Campania per far fronte a precariato
09/09/2009, 10:09


In attesa di conoscere i contenuti del Decreto che verrà approvato domani dal Consiglio dei Ministri, il Consiglio Regionale della Campania continua a tenere alto il livello di attenzione sulla problematica dei precari della scuola. Oggi si è riunita la VI Commissione consiliare permanente con la partecipazione del Presidente dell’Assemblea, Sandra Lonardo, che è stata tra i primi rappresentanti istituzionali ad intervenire per far fronte alla problematica con possibili iniziative per ridurre l’impatto socio economico dei tagli occupazionali in Campania, che ammontano a circa ottomila unità tra personale docente e amministrativo. La Commissione Istruzione, Cultura e Politiche Sociali, presieduta dal consigliere regionale del Pd, Francesco Casillo, ha ascoltato gli interventi dell’Assessore all’Istruzione della Regione Campania Corrado Gabriele e del Direttore scolastico regionale Alberto Bottino, decidendo di aggiornare i propri lavori a giovedì prossimo alla luce del provvedimento del Governo (l’ipotesi di rinviare la seduta consiliare programmata per giovedì prossimo per consentire maggiori approfondimenti del testo sarà sottoposta domani dal presidente Lonardo alla Conferenza dei Capigruppo).  A seguito della riunione, nel corso della quale il Direttore scolastico regionale Bottino ha illustrato dettagliatamente la situazione del precariato in Campania, sottolineando che essa trae origine dagli interventi dei diversi Governi che si sono succeduti, e l’assessore Gabriele ha illustrato i provvedimenti adottati dalla Regione Campania a favore di quattromila precari con le risorse del fondo sociale europeo, è maturata l’ipotesi di una iniziativa legislativa Consiglio-Giunta per risolvere con provvedimenti definitivi la questione del precariato nella scuola in Campania. La proposta è stata avanzata dal consigliere regionale del Pd Luigi Anzalone.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©