Politica / Regione

Commenta Stampa

Scuola, no al modello di riparto degli organici da parte delle Regioni del Mezzogiorno


Scuola, no al modello di riparto degli organici da parte delle Regioni del Mezzogiorno
20/09/2011, 17:09

Gli assessori all'Istruzione delle Regioni Campania Caterina Miraglia, Basilicata Rosa Mastrosimone, Calabria Mario Caligiuri, Molise Filoteo Di Sandro, Sardegna Sergio Milia e Sicilia Mario Centorrino hanno scritto una lettera al ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, e al presidente e al vicepresidente della Commissione Istruzione della Conferenza Stato-Regioni, rispettivamente Stella Targetti e Gianni Rossoni in cui esprimono “il loro più completo disaccordo sul modello di calcolo di riparto degli organici del personale docente e non docente del comparto scuola.”

Gli assessori evidenziano che più volte hanno espresso contrarietà al modello di riparto ipotizzato, per cui ribadiscono che il documento non è stato affatto approvato all’unanimità nella Commissione Istruzione della conferenza.

“Si chiede perciò – sottolineano gli assessori - di rivedere le decisioni assunte al fine di poter contemperare le esigenze di tutte le Regioni, nell'ottica di un modello di riparto degli organici realmente condiviso da tutti e che riesca a garantire a ogni studente di usufruire almeno dei servizi essenziali per l'istruzione e di assicurare una spesa pro capite per alunno uguale in tutta la nostra nazione.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©