Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Anche Di Pietro, vinto dal sonno, si addormenta

Seduta notturna alla Camera, l'Idv fa ostruzionismo


Seduta notturna alla Camera, l'Idv fa ostruzionismo
24/06/2010, 10:06

ROMA - Continua l'ostruzionismo dell'Italia dei Valori alla Camera dei Deputati per bloccare il più possibile l'attività come protesta per la prova di forza consistita nell'approvare il ddl intercettazioni a colpi di fiducia. E così questa notte la seduta notturna, convocata per approvare il decreto legge sui tagli agli enti lirici, è diventata una maratona notturna senza alcuna sosta. I deputato dell'Italia dei Valori si sono iscritti a parlare, sfruttando ogni comma del regolamento per allungare i tempi. Anche il loro leader, Antonio Di Pietro ha partecipato, mentre a turno gli altri andavano alla buvette a prendere un caffè o un cornetto e magari qualche volta a fare rifornimento anche per i colleghi, violando il divieto di mangiare nell'emiciclo. Ma ogni tanto, stanchi per la maratona oratoria e per l'ora, è capitato che diversi deputati si siano appisolati per un po'; lo stesso Di Pietro ad un certo punto è crollato, appoggiando la testa al banco del suo posto. Ma tutti sono stati pronti, quando di volta in volta ci sono state le votazioni.
C'è stato anche un momento di tensione, quando i leghisti hanno preso in giro i deputati dell'Idv per l'inutilità della loro azione, dato che sono riusciti a mantenere sempre una presenza intorno ai 350 deputati, sufficiente sia per superare lo scoglio del numero legale che per approvare o meno i vari emendamenti. Tra gli sfottò è scappato anche qualche insulto, a cui ha risposto il deputato Idv Franco Evangelisti. Ma la situazione è stata subito bloccata dal Vice Presidente Maurizio Lupi che con vigorosi scampanellii e gli opportuni richiami ha calmato gli animi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©