Politica / Politica

Commenta Stampa

Si potrà votare fino alle 20,00

Seggi aperti per le primarie del Pd

Il vicnitore dovrà ottenere il 50% più uno dei voti espressi

Seggi aperti per le primarie del Pd
08/12/2013, 10:53

Dalle 8,00 di questa mattina sono aperti i 9mila seggi per scegliere il nuovo segretario nazionale del Pd. Gli elettori avranno tempo per esprimere la propria preferenza fino alle 20,00 di questa sera, orario in seguito al quale inizierà immediatamente lo spoglio, che permetterà di conoscere il risultato delle votazioni già in tarda serata. I tre candidati che si sfidano sono Mattero Renzi, dato per favorito, Pippo Civati e Gianni Cuperlo. Vincerà il candidato che raggiungere il 50% più uno dei voti. Se nessuno dei tre candidati raggiungere tale percentuale di preferenze, per conoscere il nome del successore di Guglielmo Epifani bisognerà aspettare la scelta della nuova assemblea nazionale del partito di domenica prossima. Potranno recarsi a votare tutti firmando l’albo degli elettori delle primarie e portando un documento d’identità, la tessera elettorale e 2 euro (per i non iscritti all’albo degli elettori). Anche coloro che hanno compiuto i 16 anni e gli immigrati possono votare ai gazebo messi su dal partito in occasione delle primarie, purché si siano preventivamente registrati.

Sull’esito delle primarie del Pd, tuttavia, inciderà non solo la percentuale che decreterà il vincitore, ma anche l’affluenza ai seggi, che potrà dirsi di “successo” solo qualora prendano parte alle votazioni almeno 2 milioni di elettori. Matteo Renzi ha precisato che non è vero che per le primarie di oggi è “già tutto deciso, tutto già scritto. Lo dicono per tenervi lontani dai seggi e per dire che la politica non serve a niente”. D’accordo con Renzi è Cuperlo. “E’ un congresso vero, aperto. C’è un candidato che è dato per favorito e che gode di grande popolarità e io non me lo sono mai nascosto. Comunque vada a finire io sono fiducioso e ottimista che ne usciremo più forti”, ha precisato Cuperlo. “Già la partecipazione sarebbe un segnale positivo e poi dipende dal voto”, ha detto in ultimo Civati.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©