Politica / Politica

Commenta Stampa

Il decreto approderà in aula mercoledì mattina

Semplificazioni, ok alla sanità digitale

Dal 2014 la Pubblica Amministrazione sarà online

Semplificazioni, ok alla sanità digitale
06/03/2012, 18:03

ROMA – Promuovere la sanità digitale. Eccolo l’obiettivo con cui alla Camera, le commissioni Affari Costituzionali e Attività Produttive, hanno approvato un emendamento del Pd al decreto semplificazioni. Le novità introdotte riguardano, tra le altre cose, l’uso della cartella clinica elettronica, la regolamentazione dell' utilizzo della telemedicina e l'utilizzo di sistemi di prenotazione elettronica. Ma non solo: il testo prevede che nei piani di sanità nazionali si appoggi la gestione elettronica delle pratiche cliniche, attraverso l'utilizzo della cartella clinica elettronica, così come i sistemi di prenotazione elettronica delle visite.
I deputati hanno votato tutti gli emendamenti, ai 63 articoli del provvedimento. Il mandato ai relatori sarà dato questa sera, il decreto approderà in aula mercoledì mattina.
E alla Camera, durante l’esame delle semplificazioni, le commissioni Industria e Affari costituzionali hanno anche deciso di fissare un prezzo più alto per birra e prodotti alcolici per pagare la stabilizzazione di personale docente e non per i servizi legati al tempo pieno. Prevista, inoltre, anche una rivisitazione delle norme sui giochi. L'obiettivo è di incassare 100 milioni di euro in più all'anno a partire dal 2012. A cambiare sarà anche la percentuale della posta in gioco a montepremi, ovvero a vincite in denaro, la misura del prelievo erariale unico, nonché la percentuale del compenso per le attività di gestione e per quella dei punti vendita.
Ma non finisce qui. Un emendamento al dl Semplificazioni, a firma Renato Brunetta, prevede che dal 2014 le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni dovranno avvenire esclusivamente attraverso i canali telematici e la posta elettronica certificata. Via libera anche sull'accesso all'ingrosso alla rete fissa di telecomunicazioni per garantire la massima concorrenzialità nel mercato delle telecomunicazioni. La semplificazione dei controlli sulle imprese, invece, non si applicherà in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©