Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Porteste alla Scala: Moratti "la donna immobile"

Senato, via libera alla legge Bondi


Senato, via libera alla legge Bondi
29/06/2010, 20:06

Via libera definitivo del Senato al decreto di riordino delle fondazioni liriche. Convocato in seduta straordinaria in una giornata che sarebbe dovuta essere di "ponte" - per la festivita' romana di S. Pietro e Paolo - non senza qualche mugugno tra le fila della maggioranza, il Senato approva in terza lettura la "riforma Bondi" con 150 voti favorevoli, 112 contrari e tre astenuti. Nonostante le promesse, le "barricate" sollevate dall'Idv a Montecitorio non si ripetono a Palazzo Madama, anche perché la discussione e' stata contingentata. Pd e Italia dei valori si sono riavvicinati dopo la frattura maturata alla Camera con la presentazione di un ordine del giorno comune che chiedeva il ritiro del provvedimento e di 53 emendamenti (al contrario dell'Udc) sui punti modificati alla Camera. Ma alla prova dei fatti molti senatori di minoranza non hanno illustrato neppure gli emendamenti presentati, tutti respinti, e si sono limitati alla richiesta continua di verifica di numero legale. I lavoratori della Scala hanno protestato contro il dl di riforma delle fondazioni liriche improvvisando un concerto sotto i portici. I musicisti hanno intonato arie famose da Carmen, Turandot con 'Nessun dorma', Faust e Guglielmo Tell sotto un grande striscione issato sulla facciata con su scritto: 'Moratti la donna immobile'. Da giorni i lavoratori del teatro lamentano infatti la mancata presa di posizione del sindaco di Milano sugli effetti della riforma voluta dal ministro Bondi.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©