Politica / Regione

Commenta Stampa

Sergio Passariello (Nuovo Psi-Pdl) : “emergenza rifiuti tutto altro che finita”


Sergio Passariello (Nuovo Psi-Pdl) : “emergenza rifiuti tutto altro che finita”
22/11/2011, 16:11

Sergio Passariello, responsabile nazionale dell’ufficio di segreteria Attività produttive, Pmi ed artigianato del Nuovo Psi, partito federato con il popolo delle libertà, dichiara :” concordo con quanto sostiene il commissario all’ambiente dell’Unione Europea, Janez Potocnik che definisce la mancata raccolta dei rifiuti solidi urbani a Napoli come una vergogna che va avanti da anni, per la quale non ci possono essere soluzioni in tempi veloci, altro che emergenza rifiuti finita come sostiene da giorni il vice sindaco di Napoli, Tommaso Sodano”,anche alla luce di una amara considerazione, in virtù della quale, al primo intoppo, per magia ricompare la spazzatura nelle strade della terza città di Italia e nei comuni della sua provincia.
Quanto alla raccolta differenziata porta a porta, cavallo di battaglia della campagna elettorale del sindaco de Magistris, dichiara Passariello, ad oggi viene effettuata unicamente nel quartiere di Scampia, mentre negli altri quartieri, dove mancano campane e bidoncini per raccogliere ciò che i napoletani di buona volontà differenziano,indipendentemente dal porta a porta, è ancora un sogno non realizzato.
La nostra regione, dichiara Passariello, rischia una nuova multa dopo le precedenti procedure di infrazione già comminate in passato dall’Unione Europea, l’unica soluzione a breve termine visto che la gara per l’inceneritore di Napoli est è andata deserta, la raccolta differenziata raggiunge livelli troppo bassi, la discarica di Chiaiano è chiusa, è l’attuazione del progetto del candidato sindaco del centro destra Lettieri, che prevedeva l’invio di 4-5 mila tonnellate di rifiuti a settimana, per almeno 18 mesi, al fine di creare nel frattempo nuovi siti di compostaggio, aumentare la percentuale di raccolta differenziata, aprire nuove discariche, mettere in funzione altri inceneritori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©