Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Fli vota sì e martedì presenta il nuovo soggetto politico

"Serve maggiore responsabilità": nasce il partito di Fini


'Serve maggiore responsabilità': nasce il partito di Fini
29/09/2010, 16:09

ROMA - Il sì al governo Berlusconi è la logica conseguenza di quanto detto a Mirabello: “Restiamo leali al programma ma siamo autonomi”. Autonomi al punto tale che il Presidente della Camera sta addirittura pensando di dar vita ad un nuovo partito, praticamente una “terza gamba” del centrodestra. Archiviata la pratica della fiducia ai punti programmatici, il leader di Fli vira spedito verso la formazione di un nuovo soggetto politico, sulla scia dell’entusiasmo di quella che considera una prima vittoria. “Se Berlusconi si fosse comportato prima come ha fatto oggi in Aula, ci saremmo evitati questi mesi di tensioni”, avrebbe commentato Gianfranco Fini.
Il battesimo del nuovo partito è previsto per martedì prossimo, quando l’inquilino di Montecitorio incontrerà i suo fedelissimi al Parlamento per dar il via ad un Comitato che darà consistenza a questo progetto politico.  Tanti i temi sul tappeto da dibattere col resto della maggioranza. Per Fini resta sempre l’incognita giustizia (processo breve e ddl intercettazioni sono rimasti in sonno) il nodo cruciale da sciogliere. Su questo fronte il presidente della Camera avrebbe detto che non c’è nulla di nuovo, ma occorre verificare come concretamente verranno tradotte in iniziative legislative le parole di Berlusconi. Vi è il rischio di nuove scuciture, dunque? "Le ragioni della nostra divisione rimangono, anzi forse si sono accentuate, ma nei prossimi semestri abbiamo l'obbligo di fare qualcosa di buono per l'Italia e nonostante tutto possiamo farlo insieme –spiega il finiano Benedetto Della Vedova - Berlusconi ha parlato di una riforma liberale e radicale della giustizia. Mettiamola in atto senza provvedimenti casuali. Facciamolo possibilmente con l'opposizione".
Nel corso della riunione del gruppo, Luca Barbareschi avrebbe puntato i piedi per chiedere un’accelerazione dei tempi, annunciando già oggi in Aula la creazione della ’nuova cosa’. A conclusione del summit, riferiscono alcuni presenti, Fini avrebbe ripreso la parola per tirare le somme. In particolare, rivolto soprattutto a chi aveva manifestato l’intenzione di votare contro la fiducia (Barbareschi) avrebbe invitato tutti a un senso di responsabilità leggendo le parole del capo dello Stato, riportate dalle agenzie di stampa (“Bene che continui la legislatura”).

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©