Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Presidente Napolitano prende del tempo

Si sono concluse le Consultazioni

Lo dice portavoce Quirinale

Si sono concluse le Consultazioni
29/03/2013, 21:09

ROMA -  Il portavoce del Quirinale ha da poco dichiarato che il Presidente Napolitano, conclusesi le consultazioni, ha optato per un momento di riflessione sul da farsi.
Scelta prevedibile, vista l’intricata situazione che il capo di Stato deve provare a risolvere. E come da copione ognuno ha detto la sua.
Enrico Letta vicesegretario del Pd ha dichiarato:
“I contrasti aspri tra le forze politiche rendono non idoneo un governissimo con forze politiche tradizionali. Al presidente della Repubblica confermiamo fiducia piena e profonda gratitudine. Non mancherà il nostro supporto responsabile alle decisioni che prenderà”. Letta ha poi continuato dicendo: “L'idea di rivotare con l'attuale legge elettorale è profondamente sbagliata. I troppi 'no' ascoltati nei giorni scorsi, a cui si aggiungo i 'no' di stamattina, e cioè 'no' a un governo istituzionale o a un governo del presidente, oltre a quelli ascoltati nelle consultazioni, rischiano di negare quel cambiamento la cui richiesta era emersa dalle urne”.  Il M5S rimane coerente con se stesso e dichiara di essere disponibile solo a un Governo guidato da loro. “Nessuna fiducia a esecutivi politici o pseudo tecnici”, ha detto Crimi. Dello stesso avviso Grillo che dichiara: “Mai parlato di governo pseudo-tecnico”. Vendola invece sostiene ancora il segretario Pd e dice: “Abbiamo ritenuto di sottolineare ancora una volta che la soluzione più idonea a traghettare l'Italia fuori da questo avvitamento e pantano è nel conferimento dell'incarico a Bersani. Riteniamo interdetta qualunque possibilità di un governo di larghe intese”. Scelta Civica tramite il suo coordinatore Andrea Olivero, ha dichiarato:
“La chiusura delle diverse forze politiche per interessi di parte e divisioni ideologiche impedisce che si formi un governo stabile, mentre noi riteniamo che sia una necessità un governo stabile in tempi certi. Scelta Civica si impegna con grande determinazione a fare tutto ciò che è necessario senza chiedere nulla ma siamo disponibili a seguire chi vuole cambiare il paese”. Optano per un Governo di larghe intese, invece, Silvio Berlusconi e Roberto Maroni.
“Un esecutivo delle larghe intese, sostenuto da tutte le forze politiche ad eccezione del Movimento di Beppe Grillo, al quale non c'é alternativa, se non il voto anticipato”, questa la soluzione secondo il Cavaliere.

 

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©