Politica / Parlamento

Commenta Stampa

L'intervento del leader M5S

Siamo al mercato del pesce. Così parlò Grillo sull'affaire Cosentino

in comizio da Avellino, partono le stoccate a de Mita

Siamo al mercato del pesce. Così parlò Grillo sull'affaire Cosentino
21/01/2013, 23:01

"Cosentino che scappa con le liste? Un mito. Siamo al mercato del pesce, si sta sgretolando tutto. Ormai i cittadini hanno capito e a noi, di questo passo, ci toccherà di andare a governare. Senza fare nulla". Così Beppe Grillo al suo arrivo ad Avellino, atteso sotto la pioggia da non meno di mille persone.

"Ben venga il populismo - ha detto il leader del M5S replicando al commento di Ciriaco De Mita sul suo movimento - E' inutile creare polemiche tra le persone. Questo è un movimento di idee e di persone, abbiamo fatto le nostre liste. Abbiamo fatto conoscere i nostri candidati nei collegi, la gente ha potuto incontrarli, apprezzarli o criticarli. Siamo avanti trent'anni rispetto a questi cadaveri...".

A chi chiede la ragione di aver scelto Avellino per inaugurare la campagna elettorale in Campania, Grillo precisa che quella del M5S, "non è campagna elettorale. Quella ce la fanno questi moribondi della politica. Più semplicemente, siamo venuti ad incontrare gli avellinesi era da tanto che non tornavo dopo averci fatto il militare". Prima di salire sul palco, Grillo ha scambiato una battuta con Andrea Forgione, il segretario della sezione del Pd di Paternopoli che alcuni anni fa accettò la sua richiesta di iscrizione al partito, poi cancellata dagli organismi nazionali: "Forgione, mi devi ancora 50 euro"

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©