Politica / Parlamento

Commenta Stampa

SICUREZZA A NAPOLI, IERVOLINO: “LINEA DURA MA NON POLIZIESCA”


SICUREZZA A NAPOLI, IERVOLINO: “LINEA DURA MA NON POLIZIESCA”
16/09/2008, 16:09

Il Piano Sicurezza del Comune di Napoli non è stato ancora discusso in Consiglio Comunale che già provoca polemiche tra gli esponenti politici della maggioranza. Critica Rifondazione Comunista. Al centro delle accuse del partito della maggioranza in Consiglio Comunale, la posizione che sarebbe emersa dalla relazione dell’assessore Luigi Scotti secondo la quale il sindaco Iervolino avrebbe cambiato opinione sulla gestione della sicurezza. Immediata la risposta del sindaco che precisa: “La Giunta non ha cambiato linea e rimane nelle linee del Decreto del ministro Maroni. La nostra è una linea non poliziesca e contrastando non le vittime dell’illegalità, ma chi sfrutta le persone in difficoltà”. “Sia chiaro noi siamo sempre coerenti e non mi sono trasformata in sindaco sceriffo - aggiunge - la mia politica è solidaristica, ma nel rispetto della legalità”. Il primo cittadino auspica, comunque, che ci siano fondi del Governo per attuare una politica di prevenzione e per attuare quello che è stato previsto nel Piano sicurezza. “Abbiamo lavorato molto con l’assessore Scotti, nel mese di agosto, per varare disposizioni attuabili nel nostro contesto napoletano per evitare che ci siano disposizioni non applicabili” - ha spiegato la Iervolino. Il sindaco evidenzia, poi, anche il buon lavoro che emerge dalla sinergia instaurata tra l’assessore Scotti e il comandante della Polizia Municipale, Luigi Sementa, che ha portato ad una maggiore presenza di agenti in strada ed ad un diverso approccio al servizio. “Una logica - conclude - che motiva e rende orgogliosi i Vigili che fanno tutto quello che possono, considerando il numero ridotto di uomini che abbiamo nel nostro Corpo di Polizia municipale”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©