Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Le novità partono dalla tolleranza zero per l'alcol

Sicurezza stradale, arriva il primo sì della Camera


Sicurezza stradale, arriva il primo sì della Camera
21/07/2009, 21:07

La commissione dei Trasporti della Camera ha approvato in sede legislativa il testo contenente le nuove norme sulla sicurezza stradale. Con voto quasi unanime (registrati due astenuti), il testo adesso dovrà essere esaminato dal Senato. Tra le novità introdotte, il divieto assoluto di assumere alcol per i neopatentati e per gli autisti di professione, l’insegnamento obbligatorio dell’educazione stradale nelle scuole, il foglio rosa a 17 anni e nuovi controlli con narcotest sulle strade. Durante l’esame al Senato, probabilmente il testo passerà anche lì in commissione Trasporti, in modo da poter entrare in vigore entro la fine del mese, prima che inizi il grande esodo estivo.
Con le nuove regole si è deciso per la tolleranza zero nei confronti di chi assume alcol prima di mettersi alla guida. I neopatentati e coloro che guidano per professione non potranno toccare quindi neanche un goccio di alcol; per loro, vista l’inesperienza dei primi e le responsabilità dei secondi, non valgono le normali disposizioni. Guai in vista anche per chi viene pizzicato al volante dopo aver bevuto una birra: la prima volta ci sarà una multa da 155 a 624 euro, la seconda volta si dovrà dire addio alla patente. Il ritiro della patente è previsto inoltre per chi inverte il senso di marcia, attraversa lo spartitraffico o vada contromano in autostrade e strade extraurbane. Novità che sicuramente susciterà polemiche, quella che riguarda i controlli su strada: sarà infatti possibile effettuare i test per verificare l’eventuale assunzione di sostanze stupefacenti, affiancati a quelli sul tasso alcolico; il narcotest potrà essere praticato soltanto da personale sanitario.
Tra le norme del nuovo provvedimento c’è anche quella che rende obbligatorio l’insegnamento dell’educazione stradale nelle scuole, mentre un giro di vite è arrivato per quanto riguarda i criteri di idoneità tecnica per i titolari delle autoscuole. In alcuni tratti autostradali, dove sono presenti anche i tutor, il limite di velocità sarà alzato fino a 150 km orari. Con il testo sono stati anche introdotti le ‘scatole nere’ sui veicoli per i quali è necessaria la patente di guida C, D o E ed il ‘casco elettronico’ per chi viaggia sulle due ruote.
A proposito dell’autovelox, sarà vietato agli enti locali, come i Comuni, di far uso di strumenti del genere se non di loro proprietà e, in ogni caso, utilizzarli senza l’impiego dei vigili. Gli agenti di polizia municipale non potranno effettuare controlli su autostrade e strade extraurbane principali e una buona parte dei proventi delle multe dovrà essere destinata a migliorare la segnaletica stradale, al potenziamento delle barriere, al rinnovo del manto stradale e all’intensificazione dei controlli.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©