Politica / Parlamento

Commenta Stampa

“Il Rais vuole farmi fuori. Me lo ha giurato”

Silvio sotto shock: Gheddafi ha ordinato la mia morte

Premier in ansia per se stesso e per i suoi figli

Silvio sotto shock: Gheddafi ha ordinato la mia morte
30/07/2011, 10:07

ROMA – Archiviato il “c’eravamo tanto amati” ora Berlusconi va in giro a dire di essere in pericolo di vita, perché il leader libico Muammar Gheddafi, un tempo suo amico, vuole vederlo morto. A riportare l’indiscrezione è Francesco Verderami sul “Corriere della Sera”: il premier sarebbe in ansia, quasi sotto shock, per la sua incolumità, ma anche per quella dei suoi figli, perché il rais, ne è certo e assicura di averlo saputo da fonti indiscusse, avrebbe dato disposizioni di farlo fuori.
Secondo quanto riporta il “Corriere della Sera”, dunque, non sarebbero pochi i timori di Silvio Berlusconi, negli ultimi tempi più nervoso del solito in materia, che afferma di sentirsi nel mirino del colonnello libico, “perché così Gheddafi ha deciso. Lui me lo ha giurato”. Tra i motivi che alimenterebbero il rancore del colonnello ci sarebbe la partecipazione dell’Italia alla guerra in Libia. “A Tripoli c’erano manifesti giganti che mi ritraevano con Gheddafi - prosegue il premier - mentre ci stringevamo la mano. E lui ha preso il nostro intervento militare come un tradimento”. Ovviamente a questo punto Berlusconi non perde occasione di ricordare al mondo intero, nel tentativo che ciò possa arrivare anche all’ex amico Gheddafi, la sua contrarietà iniziale a partecipare al conflitto: “A suo tempo avevo messo in guardia i nostri partner internazionali - sottolinea - e anche in patria avevo spiegato che l’operazione non sarebbe stata facile e che ci avrebbe potuto danneggiare”. “Poi, davanti alle pressioni degli Stati Uniti, alla presa di posizione di Napolitano e al voto del nostro Parlamento - aggiunge - che potevo fare? Non sono io a decidere. Ma vai a spiegarlo a chi è abituato a comandare come Gheddafi. Le regole della democrazia non le capisce”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©