Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Camusso: "Via l'Imu dalla prima casa"

Sindacati a Governo: "Cambi marcia, meno tasse"


Sindacati a Governo: 'Cambi marcia, meno tasse'
01/05/2012, 18:05

RIETI - I sindacati sferzano il Governo sul lavoro e chiedono di «cambiare marcia» passando dal rigore alla crescita: nel corso della manifestazione a Rieti per celebrare la festa del lavoro i leader di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti hanno accusato il Governo di aver fatto pagare il conto del risanamento dei conti pubblici a lavoratore e pensionati e di non aver fatto politiche per la crescita e per il lavoro. La politica di austerità, hanno sottolineato, deprime l'economia mentre sarebbe necessario far ripartire i consumi tagliando le tasse sui redditi da lavoro dipendente e da pensione. «Va detassata subito la tredicesima», propone la Camusso. «Via l'Imu dalla prima casa», caldeggia Bonanni. Per festeggiare il primo maggio ci sono stati cortei in diverse città. A Torino è stato contestato il sindaco Piero Fassino da alcuni giovani del centro sociale Askatasuna. Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero ha detto che «non è un bel primo maggio» per l'assenza di lavoro e per gli infortuni sul lavoro che sono ancora troppi (l'ultima vittima è stato un operaio rumeno, morto oggi cadendo dall'impalcatura a l'Aquila). «Siamo d'accordo con il ministro, purtroppo - ha detto Angeletti - sono stato facile profeta a dire che il tasso di disoccupazione nel 2012 sarebbe andato a due cifre». «Se non si cambia spartito - ha detto Camusso rivolgendosi al premier Mario Monti - non vediamo più la differenza tra prima e dopo». Per Camusso c'è un'alternativa al rigore e non è colpire il lavoro ma «colpire chi ha di più e chi ha smesso di investire. Abbiamo bisogno - ha proseguito - di una risposta sui redditi dei lavoratori e dei pensionati. Il Governo detassi la tredicesima e nel 2013 si faccia una riforma strutturale». «Non si vedono tagli alle spese - ha detto Bonanni - e non si vedono tagli alle tasse. Nessun governo al mondo per rilanciare l'economia carica di tasse i cittadini. Non c'è ripresa se non si interviene sui punti focali di quello che fa ricchezza. Bisogna sterilizzare le tasse sulla benzina e far sparire l'Imu sulla prima casa ma anche fare una lotta senza quartiere all'evasione fiscale». Anche la Uil torna a chiedere di abbassare la pressione fiscale sui redditi da lavoro e dal pensione avvertendo di essere pronta a mettere in campo «tutte le iniziative» per sostenere le proprie richieste, «non escludendo niente» (compreso lo sciopero). «La politica di questo governo - ha detto il numero uno della Uil, Luigi Angeletti - sta producendo disastri. Dobbiamo mettere in campo iniziative per far cambiare politica. Non escludiamo nessuna iniziativa. Dobbiamo salvare il Paese». Per il segretario generale dell'Ugl Giovanni Centrella che ha festeggiato il primo maggio a Priolo Gargallo «Il governo si sta dimostrando troppo attento ai bilanci dello Stato e poco a quello delle famiglie italiane, sempre più in difficoltà a sostenere il costo della vita e le conseguenze della crisi».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©