Politica / Politica

Commenta Stampa

Il dramma siriano verrà discusso al prossimo G20

Siria, Letta: "Senza le Nazioni Unite non possiamo partecipare"

Letta: "Momenti difficili per la comunità internazionale"

Siria, Letta: 'Senza le Nazioni Unite non possiamo partecipare'
01/09/2013, 09:20

ROMA - Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha precisato la posizione del governo italiano in merito alla questione relativa alla Siria e all’imminente intervento nel paese da parte degli Stati Uniti al fine di combattere il regime di Assad, accusato di possedere armi chimiche estremamente pericolose. “Sono momenti difficili per la comunità internazionale. L'opinione pubblica italiana – ha spiegato Letta – è stata drammaticamente turbata dalle immagini delle vittime dell'uso di armi chimiche. Dobbiamo fare di tutto perché non accada più. Il regime di Assad possiede arsenali di armi chimiche, il cui uso è un crimine contro l'umanità”.

Il presidente del Consiglio, tuttavia, non è favorevole ad un intervento in Siria che non sia approvato dell’Onu. Egli, pertanto, ritiene che sia necessario discutere la questione nel corso del prossimo G20 per trovare quanto prima una soluzione. “Comprendiamo l'iniziativa di Stati Uniti e Francia – ha infatti continuato il premier – alla quale però, senza le Nazioni Unite, non possiamo partecipare. La settimana prossima a San Pietroburgo faremo di tutto perché si trovi una soluzione politica al dramma siriano, che ha già prodotto un numero intollerabile di vittime e di profughi. La rapida convocazione di Ginevra 2 è oramai ineludibile”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©