Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Siria, Porfidia: "No intervento militare ma esercitare massima pressione diplomatica"


Siria, Porfidia: 'No intervento militare ma esercitare massima pressione diplomatica'
02/08/2011, 12:08

Roma, 2 agosto 2011- "La repressione del governo siriano contro parte del proprio popolo suscita sdegno e riprovazione, al momento impensabile intervento militare ma potenziare a tutti i livelli la pressione diplomatica per far cessare la carneficina” lo dichiara l’on. Americo Porfidia di Noi Sud/Pet e membro della Commissione Difesa “Quella siriana – ha sostenuto Porfidia che è intervenuto a nome del gruppo in occasione dell’informativa urgente del Governo sul tema in oggetto - è una forma di stato dittatoriale, più volte denunciato da diversi soggetti internazionali e locali, incentrata sulla famiglia Assad che concentra nelle sue mani tutto il potere economico e politico. Le nuove generazioni, il cuore pulsante della cosiddetta primavera Araba sta mettendo sotto accusa i regimi, e lo stanno facendo non più in nome dell’Islam, ma da una prospettiva laica, più vicina a face book che al Corano, e questo sta destabilizzando rapporti che sembravano immutabili, delegittimando le precedenti forme di potere. Si è detto – ha ricordato Porfidia in Aula - che le rivoluzioni arabe sono iniziate quando le persone hanno smesso di aver paura e sono scese in strada sfidando apertamente il potere, a costo della propria vita.

Sosteniamo dunque la politica dell’Unione Europea di imporre nuove sanzioni alla Siria ed invitiamo il Ministro Frattini, che tempestivamente ha posto all’attenzione della comunità internazionale la crisi siriana richiedendo d’urgenza la riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ad aprire negoziati con la Lega Araba e gli altri governi dell’area al fine di stringere il regime siriano in un cerchio di volontà contrarie. Assad – ha concluso Porfidia deve sapere che i governi dell’Unione Europea, l’opinione pubblica mondiale non accettano il suo comportamento assassino nei confronti dell’opposizione siriana.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©