Politica / Napoli

Commenta Stampa

Sisma Emilia, Pace (IDV): "gemellaggio esperienza straordinaria"


Sisma Emilia, Pace (IDV): 'gemellaggio esperienza straordinaria'
10/09/2012, 13:33

“Un’opportunita' di crescita, un momento di solidarieta’, una speranza per un futuro diverso, un’emozione, tutto questo ci siamo portate nel cuore dall’ultimo incontro con le donne della Provincia di Ferrara ed i loro bambini che ieri sono tornati a casa, al termine di un gemellaggio svoltosi in questi giorni, per il quale vogliamo ringraziare la consigliera di parita’ della provincia di Napoli, ma anche la sua collega di Ferrara ed il Comune di Napoli che ha messo a disposizione la struttura per ospitarle”.
Ad affermarlo, in una nota, e’ Caterina Pace (Idv), capogruppo dell’Italia dei Valori al Consiglio provinciale di Napoli. “Un gemellaggio che nasce da una solidarieta’ lontana, quando nel 1947 le famiglie emiliane ospitarono piu’ di mille bambini napoletani e la proiezione di un documentario dell’epoca ci ha accompagnati sulla scia dei ricordi -prosegue la nota-. Il confronto con queste donne ci ha spinto a cercare strade concrete per essere d’aiuto nella ricostruzione delle loro vite. E cosi’ abbiamo scoperto che nella maggior parte dei casi i fondi raccolti tramite sms finiscono alle banche, che poi li concedono sotto forma di prestiti a tassi superagevolati, ma pur sempre prestiti, invece, sarebbe preferibile adottare un progetto specifico e finanziare direttamente quel progetto o parte di esso. Ai terremotati piacerebbe che fossero ricostruite in primis le scuole e gli asili nidi per ricondurre alla normalita’ i loro bambini e per dare la possibilita’ alle mamme di tornare a lavoro tranquillamente”. “Adesso, per non lasciare che le cose succedano invano, proviamo a coinvolgere ancora una volta tutti i nostri Enti, io lo faro’ con la Provincia di Napoli, per adottare un progetto per l’Emilia e per programmare un altro incontro a Napoli di un’altra Provincia emiliana, magari un nuovo gemellaggio per il brindisi di Natale”, conclude la nota.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©