Politica / Politica

Commenta Stampa

Siulp: migliaia di cittadini per solidarietà ai poliziotti in piazza


Siulp: migliaia di cittadini per solidarietà ai poliziotti in piazza
18/10/2011, 12:10

La solidarietà mostrata dai cittadini, che hanno sostenuto in migliaia l’appello dei poliziotti napoletani a fare scudo contro i numerosi tagli al comparto sicurezza, ha rincuorato il Siulp di Napoli che, in Via Medina, stamane, ha manifestato per informare i cittadini del rischio che sta correndo la sicurezza del Paese, a causa dei tagli orizzontali operati dal Governo che colpiscono duramente il personale e l’efficienza dell’azione di polizia. Ad affermarlo – Vincenzo Annunziata segretario generale - che sottolinea come ulteriori messaggi di solidarietà e sostegno dell’iniziativa sono stati espressi da tutte le altre categorie e da tutta la società civile. Portare in piazza dei bidoni di benzina vuoti è stata una provocazione per evidenziare come è stata ridotta la Polizia di Stato. Le donazioni sul fondo assistenza del ministero dell’Interno sono finalizzate all'acquisto di carburante. Solo così, continua Annunziata, potremmo continuare a far camminare le volanti. Appena tre giorni fa l'esecutivo ha tagliato altri 60 milioni di euro, nell'ambito del ddl stabilità, alle voci di bilancio destinate all'ordine pubblico e alle missioni'. In un periodo di grave crisi economica come quello che stiamo vivendo quasi ci vergogniamo a chiedere un contributo economico ai cittadini, ma siamo davvero arrivati al game over. Entro poche settimane termineranno gli ultimi buoni benzina necessari per le nostre volanti, dopodiché non potremo più presidiare i quartieri della città.
Noi non ci arrendiamo a questa politica del governo siamo scesi, e in futuro scenderemo, in piazza per non assumerci la responsabilità del collasso del sistema sicurezza. Tutti devono sapere che la Polizia a Napoli tra poco dichiarerà il proprio fallimento, mancano auto, computer, uomini, soldi, la pulizia in tutti gli uffici, la sicurezza sul lavoro, ci sono uffici fatiscenti come i commissariati Dante e Pianura, posti di lavoro dove fa caldo in estate e freddo in inverno come al commissariato San Giovanni, per non parlare del commissariato Posillipo indegno per un paese civile. Nessuno ci vuole ascoltare perché nessuno vuole eliminare gli sprechi. Purtroppo strategie incerte e mancati investimenti stanno limitando l’azione e il servizio mirato alla tutela delle famiglie napoletane. Pochi giorni ancora e vedremo i poliziotti spingere le volanti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©