Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Smarrazzo incontra il presidente Napolitano


Smarrazzo incontra il presidente Napolitano
11/01/2011, 17:01

Il Coordinatore regionale della Campania del Popolo della Libertà Nicola Cosentino ha espresso il suo plauso al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, per aver ricevuto Pietro Smarrazzo, vicepresidente del CNSU. Nicola Cosentino – si legge in una nota - si è detto “soddisfatto per la possibilità offerta in tal modo dalla più alta carica dello Stato ai giovani universitari di esprimersi sulla riforma Gelmini”. “E' importante - prosegue nella nota Nicola Cosentino - che la maggioranza che, ad ogni tornata elettorale in seno alle Facoltà, si conferma tale, abbia potuto testimoniare la propria civile e democratica adesione alla grande riforma dell'Università varata dal governo di Silvio Berlusconi”.
"Il mio incontro con il presidente Napolitano è stato necessario dopo i fatti indecenti di metà dicembre - ha detto Pietro Smarrazzo, vicepresidente del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, eletto nelle liste di Studenti per le libertà – quando teppisti, delinquenti e giovani appartenenti ai centri sociali, approfittando della protesta, diffondevano ancora una volta odio contro un progetto di legge del governo Berlusconi”. “Nel colloquio avuto con la più alta carica dello Stato - spiega Smarrazzo – ho ribadito come gli studenti italiani, con le elezioni nazionali studentesche, abbiano scelto una maggioranza che supporta il lavoro del ministro Gelmini e condanna l'attuale sistema universitario, ritenendolo inadeguato rispetto alle esigenze odierne e soprattutto mal gestito, e assolutamente condannando il modello della "baronia" che considera l'Ateneo non un centro di cultura, ma un proprio feudo, dove assumere parenti e amici. Sempre continuando sulla strada della meritocrazia, lavoreremo – ha aggiunto Smarrazzo - in questa delicata fase di attuazione in sinergia con il ministro Gelmini ed i tecnici del ministero, e tuteleremo l'interesse degli studenti che ci hanno legittimato a rappresentarli".

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©