Politica / Regione

Commenta Stampa

Soccavo:presentato il centro commerciale naturale

Sarà ristrutturata tutta la zona, via Epomeo il cuore

.

Soccavo:presentato il centro commerciale naturale
18/04/2011, 14:04



NAPOLI - E' stato presentato oggi a Napoli il piano di riqualificazione urbanistica e finanziaria del Centro commerciale naturale di Soccavo, che ha visto impegnati professionisti dell'urbanistica e dell'economia per la redazione di un progetto che sarà ora recepito dal Comune di Napoli e dalle autorità competenti affinché sia realizzato nel minor tempo possibile.
Il progetto di sviluppo commerciale, pensato dall'Unione Imprese Centro Commerciale Epomeo Scarl con il supporto tecnico della società di consulenza aziendale MF Mercati & Finaza Srl rappresentata da Francesco Pisapia, si sposa perfettamente con il progetto di valorizzazione urbanistica realizzato dall'UA Urbanistica e Architettura Studio rappresentato dall'architetto Francesco Varone e possono, congiuntamente, rappresentare un volano per la riqualificazione.
I progetti sono altresì suffragati da una indagine conoscitiva socio-economica del territorio, realizzata su un campione di potenziali fruitori del CCN di Soccavo, ovvero: cittadini residenti ed operatori commerciali. Da un punto di vista commerciale, l'attrattività di Soccavo non si limita al quartiere ma si estende ad altre aree limitrofe: Pianura, Fuorigrotta, Bagnoli, Vomero, Chiaia/Posillipo, Quarto e Pozzuoli.
Il bacino di utenza potenziale è stato determinato prendendo in considerazione la popolazione residente nei quartieri/comuni che ricadono nella cd. area di attrazione commerciale. attraverso la metodologia delle ISOCRONE che rientra entro i 15/20 minuti di percorrenza auto e contemplerebbe circa 300 mila potenziali clienti.
Il Piano prevede quindi servizi di marketing territoriale e comunicazione che attraverso il superamento di logiche individualistiche favoriscano l'integrazione degli operatori commerciali. Si prevede, inoltre, di incentivare azioni di riqualificazione strutturale e organizzativa delle singole attività ed incentivare i percorsi formativi brevi e la formazione continua.
E' stato inoltre elaborato un progetto di riqualificazione urbana che, coerentemente con gli interventi di riqualificazione urbana previsti dal P.R.U., persegue i seguenti obiettivi:
1) Il miglioramento della qualità dell'ambiente urbano attraverso la riorganizzazione e la rivitalizzazione dell'asse portante con una serie di azioni di maquillage che coinvolgono anche il sistema dei percorsi secondari disposti a pettine;
2) L'incremento della dotazione di spazi pubblici a servizio dell'ambiente urbano locale tramite la realizzazione di una serie di aree nodali che costituiscono una sequenza di luoghi di socializzazione: due, a monte e a valle, destinate a parco urbano e parcheggi; tre piazze intermedie lungo l'asse.
A tal fine si interviene sulla sede stradale riducendo lo spazio della carreggiata, conservando solo la parte destinata al traffico veicolare a doppio senso di marcia, eliminando lo spazio di sosta così da aumentare la dimensione dei marciapiedi.
Inoltre, al fine di migliorare l'immagine urbana complessiva, l'intervento uniforma le pavimentazioni dell'asse principale e delle traverse e prevede la sostituzione dell'attuale sistema di illuminazione con uno più consono a servizio sia dei pedoni, sia dei flussi veicolari.
Lungo l'asse si realizza un sistema di spazi di socializzazione grazie alla delocalizzazione di due distributori di benzina e di un autolavaggio dismesso, consentendo in tal modo, oltre al passeggio, la sosta dei fruitori, rispondendo così ad un'atavica carenza di luoghi di aggregazione.
I nodi cardine del progetto sono gli spazi pubblici destinati a parchi urbani e parcheggi interrati che riqualificano aree attualmente in stato di abbandono.
I parchi, previsti nell'aera ex Igenito a valle e nell'area Giustiniano a monte, rispondono alla necessità di dotare la zona di aree a verde, di spazi fruibili da cittadini di ogni classe di età. Essi, essendo accessibili dalla via dell'Epomeo, svolgono anche il ruolo di ulteriore correlazione pedonale tra il Rione Traiano e la via stessa, nella logica dell'integrazione delle parti urbane.
In prossimità dei parchi è prevista la realizzazione di due parcheggi interrati plurilivello a servizio dei residenti, dei commercianti e dei fruitori del centro commerciale naturale.
Tali parcheggi, con quelli in programmazione nell'area del P.R.U., costituiscono una rete di aree di sosta a servizio dell'intero quartiere e di interscambio tra le varie modalità di trasporto pubblico/privato (ferro/gomma).
Il più  ha commentato il presidente del Centro commerciale Giovanni Adelfi  per quanto ci riguarda è stato fatto. Adesso confidiamo nelle autorità per una rapida realizzazione di questa progettualità, che dovrebbe essere completata nel giro di un paio di anni.
L'obiettivo principale  ha commentato a sua volta il presidente della Camera di Commercio di Napoli Maurizio Maddaloni  oltre alla necessità di avviare in tempi rapidi un nuovo bando regionale per lo start up di altre realtà e per l’implementazione dei servizi per quelli ammessi, con maggiore dotazione finanziaria, è promuovere forme di collaborazione tra imprese commerciali, istituzioni locali ed associazioni di categoria, al fine di condividere progetti concreti e reali di valorizzazione di specifiche aree del nostro contesto urbano, puntando innanzitutto sul miglioramento della qualità della vita degli abitanti e dei clienti consumatori.
Alla luce dei nuovi scenari di mercato e delle sempre maggiori difficoltà competitive, ha concludo il presidente della Confcommercio di Napoli e provincia Pietro Russo , molti degli operatori commerciali operanti nel quartiere Soccavo hanno intravisto nell'associazionismo e nel partenariato pubblico/privato l'unica via percorribile per sopravvivere ed al contempo restituire dignità e qualità della vita al proprio territorio. Speriamo che iniziative come questa servano a ristabilire nel minor tempo possibile un'economia virtuosa nel territorio. 

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©