Politica / Napoli

Commenta Stampa

Sociale: Parte da Napoli la sfida dell'educazione ai diritti umani


Sociale: Parte da Napoli la sfida dell'educazione ai diritti umani
29/03/2012, 10:03

Napoli, 28 marzo 2012 – È stato presentato oggi alla Sala Giorgio Nugnes di via Verdi a Napoli il primo manuale che affronta in Europa la sfida dell’educazione ai diritti umani per adulti. Il libro, dal titolo Educazione ai diritti umani con adulti. Manuale per educatori, docenti e attivisti (pagg. 155, euro 8), di Fabio di Nunno e Dora Esposito con la prefazione di Giuseppe Cataldi, è stato pubblicato da Gesco Edizioni che inaugura così una nuova collana dedicata ai manuali di didattica sociale. Sono intervenuti alla presentazione di oggi, oltre all’autore Fabio Di Nunno: Paolo Landri, ricercatore dell’Istituto di ricerca sulla popolazione e sulle politiche sociali (Irpps); Marco Ehlardo, referente territoriale ActioAid; Aristide Donadio, referente della rete nazionale formatori sezione Napoli di Amnesty International. Ha moderato Teresa Attademo, responsabile della casa editrice Gesco edizioni. Il manuale è il primo del genere in Europa ed è il frutto di un progetto svolto dall’associazione napoletana Rinascita Sociale Salam House che ha analizzato le diverse metodologie di educazione ai diritti umani per adulti in Europa, collaborando con l’organizzazione spagnola Euroacciòn e il Newham College of Further Education di Londra.

«Come quando un ciottolo viene gettato nell’acqua – ha detto Fabio Di Nunno - la prima relazione che avviene è quella dei diritti umani con l’io. Da qui l’increspatura dell’acqua si irradia fino a comprendere cerchi successivi, quelli di cui ciascuno di noi fa esperienza nella propria vita quotidiana, prima nella relazione con l’altro, poi in famiglia, poi nel lavoro, e così via, fino al nostro rapporto con il mondo». Il manuale parte da “I diritti umani ed io” per allargarsi poi ai diversi ambiti della vita individuale e sociale e parlare dei diritti umani in famiglia, nell’educazione, nel lavoro e nel mondo. Il volume considera i diritti umani come materia che può essere insegnata e appresa, partendo dall’assunto che essi riguardino tutti gli esseri umani e che nella realtà in cui viviamo sono presenti diverse violazioni dei diritti umani non immediatamente identificate come tali: per esempio la violenza domestica, quella sui minori, lo stupro, la discriminazio­ne delle minoranze, l’omofobia, la povertà. Il modello proposto è quello di un’educazione non formale rivolta principalmente agli adulti ma adattabile anche per discenti giovani e adolescenti, grazie anche a una struttura didattica semplice e facile da seguire, con parole-chiave e schede di lavoro.

« È un manuale operativo – ha detto Paolo Landri - che mette insieme esperienze di formazione non formale e attività di educazione dal basso ed è molto interessante perché offre strumenti concreti di insegnamento, oltre che innovativo perché guarda ad attività di formazione che possono svilupparsi oltre l’aula».

I destinatari del libro infatti non sono solo docenti ma anche educatori, operatori sociali, attivisti e semplici cittadini, ai quali offre un percorso che tende a sviluppare la conoscenza e la promozione dei nostri diritti fondamentali, da usare con i rispettivi gruppi di riferimento, a seconda di tempi e luoghi del lavoro di ciascuno.

«Questo testo – ha affermato Marco Ehlardo - può aprire la strada alla presa di coscienza dei diritti stessi, attraverso “l’educazione all’educazione dei diritti umani”, in modo tale da mettere al centro le persone come titolari dei diritti, che diventano protagoniste del cambiamento».

« Il manuale – ha sottolineato infine Aristide Donadio – dà centralità strategica all’educazione non formale ma è importante l’aspetto collettivo e politico, perché occorre che si arrivi a una dimensione partecipativa dei diritti umani».

È per questo che oggi è stata lanciata da Gesco edizioni, casa editrice da sempre impegnata sui temi sociali, la proposta di costruire una rete di organizzazioni sociali che pongano al centro del loro lavoro l’educazione ai diritti umani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©