Politica / Politica

Commenta Stampa

Mancano dirigenti di seconda fascia

Statali, si va verso la nuova mappa del personale

I sindacati stanno esaminando la proposta di Patroni Griffi

Statali, si va verso la nuova mappa del personale
16/11/2012, 09:58

ROMA – Sono ore di attesa queste per gli statali: a breve anche in questo settore partirà l’operazione spending review e si avrà la nuova mappa del personale, dirigenziale e non.

Non è una novità infatti che anche la funzione pubblica va riorganizzata, ma come e dove? La risposta arriverà dopo che i sindacati avranno esaminato quanto è già stato proposto dal ministro, Filippo Patroni Griffi.

Troppi al momento sono i dirigenti allo Sviluppo, Infrastrutture, Lavoro e Beni culturali, mancano invece all’Istruzione e Università. Il primo pacchetto di eccedenze tra ministeri, enti di ricerca ed enti pubblici non economici, dovrà portare ad un alleggerimento di 487 unità dirigenziali (48 di prima e 439 di seconda fascia) e 4.028 dipendenti complessivamente. Andando a scovare nei singoli ministeri, si scopre che Difesa e Ambiente sono già in equilibrio nella prima fascia e grosso modo anche le Politiche agricole. Scostamenti modesti si rilevano al Miur, ai ministeri del Lavoro e della Salute. Mentre le direzioni generali sono in sovrannumero allo Sviluppo (+6), ai Beni culturali (+8), alle Infrastrutture e Trasporti (+14). In totale, si scenderà a 163 direzioni generali su195 inservizio, con 32 posti in sovrannumero.

Diversa la situazione dei dirigenti di prima fascia. Il loro saldo complessivo è carente: 1.352 posti nella nuova pianta organica, solo 1.282 effettivamente coperti in base ai dirigenti in servizio attualmente, inclusi gli incaricati. Risultano dunque scoperti 70 posti.

Nel caso del personale non dirigenziale, nonostante il blocco del turnover, le eccedenze maggiori riguardanola Difesa(1.562 persone), le Infrastrutture (598), i Beni culturali e l’Inail (648 più 13). Pochissime le eccedenze nei centri di ricerca: 76 al Cnr, 32 all’Istituto di Fisica nucleare e 12 all’Istituto di geofisica e vulcanologia. In tutto 4.028 esuberi ma il grosso (3.236) sono concentrati nei ministeri.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©