Politica / Politica

Commenta Stampa

Appello dei deputati Pd: "Il Governo rinvii la tassa"

Stop Tares: Anci, sindacati e aziende pronti a mobilitazione


Stop Tares: Anci, sindacati e aziende pronti a mobilitazione
02/04/2013, 18:43

ROMA - Una iniziativa pubblica di mobilitazione nazionale in caso di mancato intervento del governo sul fronte della Tares. E' quanto è stato deciso di organizzare nel corso dell'incontro che si è svolto oggi pomeriggio all'Anci tra Filippo Bernocchi, delegato Anci alle politiche energetiche e ai rifiuti, le aziende ed i sindacati del settore rifiuti. Durante la riunione è stata ribadita la gravità della situazione delle imprese del settore.  L'iniziativa verrà annunciata in una conferenza stampa che verrà organizzata nei prossimi giorni. In attesa che vengano riscritte le regole generali della Tares, le aziende ed i sindacati ribadiscono la necessità che il governo provveda subito, già nel corso del primo consiglio dei ministri utile, all'approvazione della bozza del decreto che è già nelle mani dell'esecutivo. All'incontro di oggi pomeriggio erano presenti rappresentanti della Cgil Igiene Ambientale, Federambiente, Uil-trasporti Settore Ambiente e Fise. “Dopo il mandato pieno ricevuto dal Quirinale sulla possibilità di adottare provvedimenti urgenti per l'economia, il governo ha ora tutti gli strumenti necessari per intervenire sulla Tares. Il pre-Consiglio previsto per oggi alle 19.30 e il Consiglio dei ministri valutino subito il rinvio della nuova tariffa”. E' quanto dichiarano i deputati del Pd Paolo Gentiloni, Simona Bonafè, Michele Anzaldi e Dario Nardella. “A seguito della sensibilità dimostrata dalla presidente della Camera, Laura Boldrini - spiegano i parlamentari - e delle pressioni arrivate dall'Anci e dagli enti locali, è auspicabile che il governo si occupi finalmente della Tares nel Consiglio dei ministri previsto questa settimana. La nuova tassa prevista per luglio sarebbe una batosta pesantissima per le famiglie e le imprese, nelle settimane in cui sugli italiani graveranno anche l'aumento Iva, la prima rata Imu, i pagamenti Irpef. Solo per le imprese, secondo quando calcolato da Confcommercio, si parla di aumenti anche del 400%”. “Il governo ascolti il moltiplicarsi di voci che continuano a chiedere - aggiungono i deputati Pd - di rinviare o dilazionare la Tares. Il nuovo tributo, tra l'altro, comporta anche serie difficoltà di applicazione per gli enti locali, lasciati nel frattempo senza trasferimenti. Il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha chiarito che il governo è nelle condizioni di operare, ci aspettiamo quindi che usi i poteri che ha”. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©