Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Strasburgo, un impegno senza steccati

A settembre pronti col click day

Strasburgo, un impegno senza steccati
02/07/2013, 15:43

STRASBURGO - Si svolta oggi nella sede del Parlamento europeo di Strasburgo la conferenza stampa del Comitato organizzativo dell’iniziativa europea OneOfUs.

Alla presenza di svariati colleghi, l’europarlamentare spagnolo Jaime Mayor Oreja ha fatto il punto della situazione della raccolta firme che hanno superato quota 676mila, il che consente di guardare con ottimismo all’obbiettivo fissato dalla normativa di un milione di adesioni.

Carlo Casini, presidente della commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo e presidente del Comitato organizzativo di UnoDINoi per l’Italia, ha specificato che “il primo risultato raggiunto dalla mobilitazione continentale aver creato una rete di collegamento tra le molte espressioni della galassia pro life, gettando cos le basi di un forte ed unito movimento europeo. Una grande multinazionale della vita che potr farsi sentire in Europa e nel mondo”.

Per Maria Grazia Colombo, portavoce del Comitato italiano, “per noi di grande soddisfazione che si stia lavorando oltre ogni steccato ideologico e confessionale: cattolici, ortodossi, protestanti, non credenti si sono impegnati con la stessa passione in una causa che riguarda tutti nel nome della comune umanità”.

“Si è compreso – aggiunge Salvatore Martinez, presidente di Rinnovamento nello Spirito, una delle associazioni che per prime hanno aderito alla campagna – che è  in gioco una grande e fondamentale questione antropologica che può segnare il rilancio della politica e del sogno europeo che sembra oggi particolarmente in crisi”.

Anche per Carlo Costalli, presidente di Mcl, pure nel Comitato organizzativo, “il tema destinato ad andare oltre i confini della stessa Iniziativa UnoDINoi e segnerà l’attività politica delle Istituzioni europee a cominciare dalle elezioni del prossimo anno”.

Ma l’attenzione era puntata soprattutto sul rush finale della campagna. In questi quattro mesi che ci separano dalla scadenza (1 novembre), bisognerà raggiungere e superare il milione di firme (su supporto cartaceo o on line, www.oneofus.eu) previste. Alcuni appuntamenti sono già fissati: il Meeting di Rimini, la Settimana sociale di Torino, il Pellegrinaggio delle famiglie a Roma. Ed in più il 22 settembre si terrà un Click-day, quando associazioni e movimenti saranno chiamati a presidiare il web per invitare a firmare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©