Politica / Regione

Commenta Stampa

Sud, Paolo Russo(Pdl):“Italia a due velocità frena anche il Nord”


Sud, Paolo Russo(Pdl):“Italia a due velocità frena anche il Nord”
22/04/2011, 15:04

“Utilizzare quelle risorse già destinate al Sud, e congelate proprio da chi lamenta l’incapacità di spesa delle regioni meridionali, è un dovere etico prima che un fatto di responsabilità e di buon governo”: lo scrive, in un editoriale pubblicato sul suo sito internet, il presidente della commissione Agricoltura della Camera dei deputati, Paolo Russo.
“Ha ragione Stefano Caldoro – si legge sulla home page di www.paolorusso.it - quando sostiene che nella politica economica del Paese si stia affermando una propensione al nordismo cinico che favorisce una rendita di posizione del Settentrione anziché stimolare la competitività. Il governatore della Campania non ha torto nemmeno quando si dice preoccupato per le ripercussioni sociali che potrebbero derivare da quei dati inquietanti sul reddito pro capite e sulle percentuali di disoccupazione giovanile. Si tratta di riflessioni che non possono non essere prese in considerazione e soprattutto che impongono un serio ragionamento sugli effetti presenti e futuri determinati da una strategia economica e finanziaria miope, poco lungimirante e soprattutto controproducente per quella stessa area che, nei fatti, si intenderebbe privilegiare. Non favorire lo sviluppo del Sud significa, infatti, affossare il Nord”.
“Un Paese che corre a due velocità - conclude il parlamentare del Pdl - è destinato inevitabilmente a rallentare e ad accumulare pericolosi ritardi rispetto ad un contesto molto più ampio che travalica i confini dello Stivale. E’ per questo che va tempestivamente aperta una stagione fatta non solo di federalismo, ma caratterizzata da azioni, interventi e progetti, peraltro non solo già ampiamente proposti ma anche valutati in termini di efficacia e risultati, che fino ad oggi sono però rimasti chiusi in un cassetto e colpevolmente resi non operativi”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©