Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Per schiarire le nostre idee nei giorni del solleone"

Sul ‘Mattino’ Umberto Bossi parla in dialetto napoletano


Sul ‘Mattino’ Umberto Bossi parla in dialetto napoletano
18/08/2009, 11:08

I lettori che oggi hanno acquistato il quotidiano diretto da Virman Cusenza si sono trovati davanti una sorpresa insolita, ma sicuramente gradita: un discorso di Umberto Bossi completamente tradotto in dialetto napoletano. Nei giorni in cui la Lega scalpita parlando di gabbie salariali, chiarisce la querelle sull’inno nazionale e si batte strenuamente per la difesa dei dialetti, Il Mattino ha fatto da apripista, ‘accogliendo’ la tesi che vuole il dialetto più comprensibile e fornendo ai propri lettori una traduzione affidata al dialettologo Nicola De Blasi. Il giornale spiega di aver “voluto tradurre il puro pensiero bossiano” nella “più familiare lingua napoletana: giusto per schiarire le nostre idee nei giorni del solleone”. “Chissà, - aggiunge, probabilmente strizzando l’occhio tra il serio e lo sfottò, - che un uomo vicino al popolo come il Senatur non apprezzi”.
“Quando cantammo l’inno nuosto, 'o Va', penziero, tutte quante 'o cantano pecche' 'e pparole 'e ssanno tutte quante, no comme a chillo italiano ca nun 'o sape nisciuno", scrive 'Il Mattino' riportando in napoletano le parole del leader della Lega Umberto Bossi. "Si tutto nu popolo, meliune e meliune 'e perzune - prosegue il quotidiano - sanno 'o Va penziero e 'o cantano cu piacere, vo' ricere ca int''o core r''a gente sta cagnanno tutte cose, anze tutt'e' cagnato già”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©