Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sale la tensione all'interno della maggioranza

Sul taglio alle rinnovabili, Miccichè minaccia il governo

"Anche noi come la Lega diamo l'ultimatum"

Sul taglio alle rinnovabili, Miccichè minaccia il governo
08/03/2011, 19:03

ROMA - Adesso tocca a Gianfranco Miccichè e al suo movimento Forza del Sud minacciare il governo. In particolare sul decreto Romani, che taglia i finanziamenti per la costruzione e l'installazione di centrali solari ed eoliche, subordinando poi la costruzione delle stesse alla volontà del governo. L'ha fatto in una intervista alle Iene Show, intervista che verrà mandata in onda nella puntata di mercoledì.
In particolare, Miccichè attacca il decreto Romani, che colpisce duramente il sud, dove sono concentrate la maggior parte delle società che producono questi impianti: "Non possono non accettare le obiezioni che noi stiamo facendo, perché non possono assumersi la responsabilità di veder fallire, come un domino che fa cadere ad una ad una, tutta una serie di aziende che sono fatte bene, da persone perbene. Se il governo non dovesse accettare una mediazione significa che Forza del Sud finalmente farà valere la sua forza, andiamo a votare subito...". Eh, già, perchè Forza del Sud conta 7 deputati. Se decidesse di votare contro la maggioranza, il governo potrebbe cadere. E quindi Miccichè alza il tiro: "Così come la Lega, che non so da quanti decenni minaccia 'O si fa così o cade il governo'. Bene, oggi si sappia che c'è un'altra forza politica che si occupa di un'altra parte d'Italia, di un altro territorio, che ragiona nella stessa maniera della Lega: 'O si fa cosi' o cade il governo'".
Ma parla sul serio? DIfficile da dire. Certo appare sospetta questa intervista ad un programma della TV berlusconiana, rilasciata proprio quando si deve discutere delle nomine ai vertici di numerose società a partecipazione pubblica. Non è che qualche nomina ben assestata possa far rientrare questi presunti malumori?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©