Politica / Politica

Commenta Stampa

Camusso: "Prendiamo i soldi dalle rendite finanziarie"

Tagli per 3,5 miliardi per la sanità, le regioni protestano


Tagli per 3,5 miliardi per la sanità, le regioni protestano
14/10/2013, 09:21

ROMA - Non va giù alle Regioni le cifre del Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin, che ha annunciato tagli di 3,5 miliardi nel 2014 e altri 1,5 miliardi nel 2015. Un annuncio che rispetta le previsioni del governo di una riduzione della spesa sanitaria al 6,7% nel 2017 contro il 7,1% attuale. 
Letta ha cercato di buttare acqua sul fuoco, invitando ad aspettare la legge di stabilità; e il Ministro dell'Economia Flavio Zanonato, a Repubblica, cambia argomento dicendo che ci saranno tagli al cuneo fiscale per 5 miliardi, divisi tra imprenditori e lavoratori (poichè parliamo di una riduzione dello stipendio lordo dei lavoratori, saranno ancora loro a pagare, mentre gli imprenditori continuano ad arricchirsi, ndr). 
Ma la situazione è stata sintetizzata magistralmente dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: "Non si può togliere l'Imu a chi ha una casa di lusso a Piazza di Spagna e poi recuperare quei soldi con i tagli alla sanità, eliminando posti letto negli ospedali. Non si può. Se il Pd esiste ancora impedisca questo scempio. Le Regioni faranno sicuramente la loro parte chiamando l'Italia a mobilitarsi per evitare questa vergognosa ingiustizi".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©