Politica / Parlamento

Commenta Stampa

TAGLIALATELA (AN): IMMORALITA’ ISTITUZIONALE DI BASSOLINO E’ AGGHIACCIANTE


TAGLIALATELA (AN): IMMORALITA’ ISTITUZIONALE DI BASSOLINO E’ AGGHIACCIANTE
20/11/2008, 12:11

 

Il parlamentare Marcello Taglialatela, vice Presidente del Gruppo PDL alla Camera dei Deputati e componente della commissione Antimafia, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «L’immoralità istituzionale di Antonio Bassolino è agghiacciante. La sua reazione alla precisa e dettagliata inchiesta giornalistica de “Il Sole 24 Ore” (Quella lobby all’ombra del Vesuvio), con la quale si minacciano querele, è semplicemente assurda.
Il governatore non nega, perché non può negare, che tutte le vicende riportate, molte delle quali già oggetto di nostre ampie denunce nel corso degli anni, sono assolutamente vere e quindi non sono smentibili.
I Soprano, Tuccillo, Abbamonte e Scafuro a vario titolo ed in vari momenti hanno tratto e traggono ancora vantaggi economici ai danni dei cittadini per le scelte amministrative della giunta regionale guidata da Bassolino. Tutto ciò accade nonostante il fatto che nulla possa giustificare tali scelte.
La verità è che l’attuale governatore della Campania è un politico che la Procura della Repubblica indaga per ipotesi di gravissimi reati contro la pubblica amministrazione.
Nella migliore delle ipotesi, invece, così come svelato dall’autorevole quotidiano economico, sarebbe complice inconsapevole di interessi illegittimi, che nulla hanno a che fare con la pubblica amministrazione, ma fanno piuttosto riferimento a gruppi di potere e lobby economico-affaristiche e dimostrano la sua totale incapacità a svolgere il ruolo di Presidente della giunta. La presenza politica di Bassolino alla guida della Campania costituisce ogni giorno di più un ulteriore danno all’immagine ed all’economia della nostra regione.
La sua agonia politica non deve trasformarsi nell’agonia della Campania e sono convinto che sia sempre più opportuno sciogliere il Consiglio Regionale ed andare al più presto al voto per dare una nuova classe dirigente ai campani».   
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©