Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Taglio del 20% per i pasti a Montecitorio, insorge Di Pietro


Taglio del 20% per i pasti a Montecitorio, insorge Di Pietro
03/03/2009, 14:03

Il ristorante più economico del mondo? Senz'altro Montecitorio e Palazzo Madama. Dove, grazie anche all'ultimo taglio del 20%, un caffè costa 42 centesimi, un tramezzino 96 centesimi e un pranzo completo 1,50 euro. Sì, avete capito bene, un euro e mezzo. Naturalmente questo solo se sei un Senatore o un Deputato, che incassa 20 mila e passa euro al mese, tra stipendio, diaria e benefit assortiti. Credo che non ci sia bisogno di dire che la differenza di prezzo ce la mettono gli italiani.
Su questa storia, che non è certo nuova, però nessuno parla mai. Eppure, adesso che siamo in tempo di crisi, è uno schiaffo a tutti coloro che si battono e lottano per conservare a fatica il posto di lavoro, magari precario. E infatti l'unico che ha protestato è stato Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori: "Come nel caso dei pianisti, i parlamentari che votano per gli assenti per rubarsi 250 euro al giorno, c'è bisogno di interventi di buoncostume. Questa è la vera vergogna italiana. Così si dà il cattivo esempio ed è chiaro che poi diventano tutti bulli. Con i bulli che abbiamo in Parlamento e al governo, così succede".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©