Politica / Regione

Commenta Stampa

Tarsu, il 14 febbraio sindacato incontra assessore Saggese


Tarsu, il 14 febbraio sindacato incontra assessore Saggese
08/02/2011, 16:02

(US CGIL CAMPANIA) - Napoli, 8 febbraio - Cgil, Cisl, Uil di Napoli hanno inoltrato all’assessore al bilancio del Comune di Napoli, Michele Saggese, una richiesta d'incontro urgente per aprire una trattativa che riconosca alle fasce deboli della popolazione napoletana agevolazioni per il pagamento della Tassa sui Rifiuti Tarsu. Il confronto è stato fissato per lunedì 14 febbraio alle ore 11. "Si intende sottoscrivere - precisa un comunicato diffuso dal sindacato - un nuovo accordo che intende essere la prosecuzione migliorativa del precedente gia realizzato con l’Amministrazione Comunale per la Tarsu dello scorso anno". "Uno dei motivi di urgenza di tale richiesta di incontro - sottolineano a nome delle tre organizzazioni i segretari Teresa Potenza, Francesco Angellotti e Davide Sarnataro - proviene anche dalle preoccupazioni sentite da CGIL, CISL e UIL di Napoli in merito a paventati aumenti delle tasse locali (addizionali comunali) conseguenti a dichiarazioni rese dall’Assessore al Bilancio agli organi di stampa locali, che alla data non risultano essere stati smentite". "Eventuali aumenti di qualsiasi genere e forma - annuncia il sindacato - trovano la netta e determinata contrarietà di Cgil, Cisl, Uil di Napoli, alla luce soprattutto della crisi economica che continua a colpire fortemente il nostro Paese e la nostra città". Cgil Cisl Uil, "pur consapevoli dei continui ed indiscriminati tagli imposti dal Governo nazionale e dalla Regione, che condizionano la tenuta del Bilancio Comunale, confermano con convinzione che i cittadini napoletani non sono in più in condizione di sopportare eventuali ed ulteriori aumenti di imposte e tasse, affermando nel contempo che l’unico strumento per riequilibrare le casse comunali consiste in una energica ed efficace politica di lotta all’evasione fiscale, evitando che a pagare continuino ad essere i soliti noti, cioè lavoratori dipendenti e pensionati".

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©