Politica / Politica

Commenta Stampa

Tartaglione: Interrogazione Governo sezione Tribunale Ischia

"Governo assicuri diritti di cittadini isole"

Tartaglione: Interrogazione Governo sezione Tribunale Ischia
24/06/2013, 17:14

“Il Governo garantisca il diritto di accesso alla Giustizia per i cittadini delle Isole Minori”. A dichiararlo è la deputata del Pd Assunta Tartaglione, componente della Commissione Giustizia, che il 20 giugno ha depositato un’interrogazione al ministro Cancellieri per chiedere chiarimenti sull’annunciata chiusura della sezione distaccata di Ischia del Tribunale di Napoli. “Ho chiesto al ministro – dice Tartaglione - se il Governo sia intenzionato ad adottare disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo n. 155 del 2012 (la riforma degli uffici giudiziari) che tengano conto della specificità territoriale e delle esigenze civili delle comunità isolane, preservando i presidi giudiziari esistenti nelle isole minori, in particolare della sede del Tribunale di Napoli ubicata sull'isola d'Ischia, che oggi sarebbe destinata ad accorparsi alla sede centrale del Centro Direzionale”.

“Il presidio di giustizia – spiega ancora la deputata - è presente ad Ischia da oltre 600 anni e svolge una funzione indispensabile per i cittadini. Il bacino d'utenza è molto vasto, si tratta di circa 65.000 abitanti stabili, cui devono aggiungersi gli oltre 3 milioni di turisti annui.  Solo nell'anno 2011, per quanto riguarda giustizia civile, esecuzione, lavoro e previdenza e volontaria giurisdizione, si sono registrate 4706 pendenze, 2367 sopravvenienze e 2958 definizioni, mentre per il penale si sono avuti 647 procedimenti iscritti e 769 definiti.  La sua abolizione comporterebbe un enorme disagio per i cittadini e ingenti spese per il trasferimento dei fascicoli e delle attrezzature e dell'archivio e per la quotidiana trasferta a Napoli di migliaia di persone tra cui anche dipendenti ministeriali e comunali. Una criticità di cui il Governo deve tenere conto in fase di rimodulazione delle Riforma”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©