Politica / Politica

Commenta Stampa

I dubbi non sono su italianità.

Telecom, Epifani: il problema sono i debiti di Telefonica


Telecom, Epifani: il problema sono i debiti di Telefonica
27/09/2013, 15:39

ROMA - "C'e' qualcosa che non va" nella vendita di Telecom a Telefonica, qualcosa "che non funziona, che fa pagare ai piccoli azionisti le scelte dei grandi istituti di credito". Questo è quanto ha dichiarato il segretario del Pd, Guglielmo Epifani, durante la relazione alla direzione del partito. "Telefonica non ha interesse a rendere strategica la propria partecipazione in Telecom perche' e' molto indebitata, perche' non voleva intervenire, perche' le due aziende sono concorrenti in molti mercati", ha aggiunto. "Non va che Telefonica non metta soldi e risorse nell'aumento di capitale. non va che la rete il cuore del problema e della strategia industriale possa essere messa in discussione". "Le decisioni che il governo sta prendendo vanno nella giusta direzione, ma gli strumenti servono se c'e' una strategia e se c'e' una politica di contesto in cui quegli investimenti hanno senso. Ho letto e ascoltato molte cose che riguardano errori e responsabilita' di storie che abbiamo alle spalle", ha evidenziato il segretario del Partito Democratico. "il nostro problema non e' di guardarci indietro, ma fare tutto il possibile per dare a queste aziende un presente e un futuro, pensare a come possiamo muoverci, cosa possiamo salvare. Non e' un problema di natura della proprieta'. Da questo punto di vista se si lasciasse correre la situazione fino all'estremo, avremmo una azienda in cui l'azionista di riferimento non avrebbe nessun interesse a mettere investimento e risorse, con il risultato di cedere in sudamerica le due partecipate sulle quali Telefonica agisce in situazione di concorrenza. Per questo telefonica non va bene, non perche' e' spagnola, ma perche' non ha interesse a rilanciare Telecom e la sua identita'. Tutto quello che si puo' fare per riportare a razionalita' scelte societarie e scelte investimento".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©