Politica / Politica

Commenta Stampa

Colloquio di venti minuti, agenda comune tra Italia e Usa

Telefonata Letta-Obama:" Priorità disoccupazione giovanile"

Intanto il 17 giugno è fissato il G8 in Irlanda

Telefonata Letta-Obama:' Priorità disoccupazione giovanile'
20/05/2013, 19:21

ROMA - Colloquio telefonico tra il premier Enrico Letta e il capo della Casa Bianca Barack Obama. “Venti minuti di colloquio telefonico col presidente Obama. Ci incontreremo a giugno al G8 in Irlanda del Nord” annuncia il premier Enrico Letta, su Twitter.  La riunione degli otto grandi è in programma per il 17 e 18 giugno nella Contea di Fermanagh.

Attraverso una lunga nota di Palazzo Chigi emergono alcuni contenuti della telefonata:  “Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha avuto oggi una lunga e cordiale conversazione telefonica con il Presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama, il quale - nel ribadire il fortissimo legame esistente tra i due Paesi - ha inteso confermare di persona i rallegramenti per la formazione del nuovo esecutivo già espressi il giorno del giuramento. - sottolinea la nota -. Il Presidente del Consiglio ha indicato le priorità del governo relativamente all'agenda di riforme politiche ed economiche, con particolare riguardo alle linee che egli esporrà in occasione dei Consigli Europei del 22 maggio e di fine giugno. Il Presidente Obama si è detto pienamente d'accordo circa l'esigenza di prestare attenzione prioritaria alle politiche volte a fronteggiare la disoccupazione giovanile”. 
“L'Amministrazione americana conferma - ha sottolineato invece il Presidente Obama - il proprio impegno a collaborare con i leader europei per promuovere un rapido superamento della crisi economica e favorire iniziative volte a stimolare la crescita in un quadro di mantenimento della stabilità fiscale». «A questo riguardo, il Presidente del Consiglio e il Presidente Obama - continua la nota - hanno condiviso l'esigenza di concludere positivamente i negoziati tra Ue e Stati Uniti in materia di commercio e investimenti”.

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©