Politica / Regione

Commenta Stampa

Terra dei Fuochi, approvato accordo con Direzione Marittima Campania per monitoraggio aereo

Ass. Romano: "Ulteriore strumento per contrasto criminalità"

Terra dei Fuochi, approvato accordo con Direzione Marittima Campania per monitoraggio aereo
28/09/2013, 13:33

NAPOLI - “L’ accordo con la Direzione Marittima della Campania per il telerilevamento aereo servirà ad individuare, dall’alto, grazie a sofisticate strumentazioni in possesso della piattaforma aerea del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, anomalie e criticità ambientali, sia in ambito marino - costiero, sia litoraneo, sia fluviale.”
Così l’assessore all’Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano commenta l’accordo di collaborazione tra i due enti. “Il telerilevamento aereo – ha sottolineato Romano - trova concreta e diretta applicazione anche nell’azione di contrasto al fenomeno illegale dei roghi di rifiuti: consentirà di individuare, dall’alto, le mani criminali che stanno devastando la cosiddetta Terra dei Fuochi, anche in flagranza di reato.
L’attività si svolgerà in sinergia con le competenti Procure. Siamo certi che tale presenza dello Stato fungerà anche da deterrente contro gli illeciti ambientali.
“Entro pochi giorni – ha aggiunto - l’accordo verrà ratificato da Regione e Capitaneria, e saranno definiti nel dettaglio tempi e modi dell’azione sul territorio. Il velivolo utilizzato sarà prevalentemente un Atr42.” “La soddisfazione del Corpo – ha dichiarato l’ammiraglio Antonio Basile, direttore marittimo della Campania - va aldilà degli aspetti economici: siamo particolarmente orgogliosi di poter dare un contributo concreto al contrasto dell’eco-criminalità che continua a devastare il territorio regionale, provocando gravi rischi alla salute dei cittadini. L’attività di monitoraggio aereo consentirà di raccogliere una serie di dati che poi saranno decodificati ed elaborati per restituire la fotografia esatta di eventuali anomalie riscontrate. Supportiamo così l’azione di contrasto ai crimini ambientali.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©