Politica / Napoli

Commenta Stampa

Terrae Napoli Città dell'Archeologia


Terrae Napoli Città dell'Archeologia
26/01/2012, 10:01

Archeologia Attiva, in collaborazione con il Gran Caffè Neapolis, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Napoli e della Regione Campania, organizza l’evento Terrae | Napoli Città dell’Archeologia. 6 appuntamenti mensili, ogni ultimo venerdì del mese a partire dal 27 gennaio 2012, dalle ore 18.00 alle ore 21.00 nel cuore di Napoli, a piazza San Domenico Interventi specialistici (presentazione di ricerche, di libri archeologici e storici, di romanzi storici, antropologici, ecc…; dibattiti tra archeologi, associazioni di categoria, istituzioni, università, ecc…), saranno inframmezzati da incontri enogastronomici, musicali, reading, proiezioni, mostre, vendita attrezzistica e artigianato etnico. Il 27 gennaio il primo incontro con la presentazione del programma e l’intervento oltre che del Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris – che ha assicurato pieno sostegno all’iniziativa - di vari studiosi che parleranno della città archeologica, misterica ed esoterica. Si prevedono anche dei momenti di spettacolo con le letture di Raffaele Bruno ed il suo Delirio Creativo; e la musica di Antonello Petrella, Rosario Volpe, Marco Garofalo, la Rete Comar e molti altri. In coincidenza con il Giorno della Memoria, sarà presente un rappresentante della Comunità Ebraica di Napoli e si raccoglieranno fondi per la Scuola di Pace, un’Associazione che insegna gratuitamente italiano agli immigrati. “L’evento – dice il Presidente di Archeologia Attiva, Daniele Petrella – vuole slegare dagli accademismi l’archeologia, per rendere questa affascinante disciplina più alla portata di tutti.” “Il Centro Storico di Napoli – prosegue Petrella – si pone, tra i mille problemi che lo caratterizzano, come l’anima di un centro culturale naturale, dalla valenza internazionale, con pochi pari al mondo e con un potenziale economico notevole ma ancora in gran parte inespresso.” “Ci auguriamo che questa iniziativa – conclude Petrella – possa dare un contributo di immagine alla città partenopea che sta lavorando per il riscatto e la crescita”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©